martedì 7 ottobre 2008

Briciole !

----------------------------------------------
Ho scritto due righe ad un’amica che amo profondamente. Questo è il motivo per cui le parole scorrevano veloci, dettate “dal di dentro”. Alla fine un pensiero ha indugiato nella mia mente : “Perché non dirlo a chi vive la sua pagina bella." "Perché non sollecitare affettuosamente invitando alla consapevolezza ?” Credo di essere la decana tra i bloggers ed è con affetto che vi offro qualche briciola di ciò che ho raccolto nella mia passeggiata nella vita. Così, la lettera per l'amica, la trascrivo per ognuno di voi :
------------------------------------------------
“”Mia cara amica/o, sei sempre in movimento a quanto sento, ! E' bellissimo però. Nei miei frenetici anni con l'attività di lavoro che non bastava e che integravo facendo l'assicuratore e tenendo alcune contabilità in casa e traducendo depliant pubblicitari (con vocabolario tecnico a lato) rubando ore al sonno e alla gioia, non mi accorgevo del dono meraviglioso costituito proprio "dal poterlo fare".
Non davo la dovuta importanza al fatto che una mezz'ora di sonno mi faceva tornare nuova. Al fatto che bastava quello sguardo per agitare il sangue e la mente. Al fatto che i bisogni di mio figlio mi facevano sentire importante, utile, indispensabile, e vi accudivo senza stancarmi. Al periodo in cui pensavo che avrei avuto tempo per tutto. Al tempo in cui ero convinta che avrei recuperato ciò a cui rinunciavo. Al tempo in cui non pensavo che la buona salute e l’efficienza fisica, erano privilegi.
La consapevolezza è un grande dono. Questo voglio dirti, con questa irruenza dettata dall'affetto. Consapevolezza.! E’ il sale della vita, credimi! Assapora la vita, gustala, centellina ogni attimo ! Sii consapevole dei privilegi, della tua agilità della facilità di recupero delle forze, della salute e non aspettare che sia compromessa...per apprezzarla. Abbi cura di te, del tuo corpo, della tua efficienza. In concreto “àmati” ! Un abbraccio stritolante e affettuosissimo. Renata “”
---------------------------------------------------------
E’ così naturale, così umano non pensare alle nuvole quando si è carezzati dal sole. E io non voglio sciupare niente, vorrei solo che le giornate di sole fossero vissute consapevolmente. Senza sbuffare, senza dare spazio alla noia, ma spalancando tutte le finestre dell’anima, alla gioia, al sorriso.
Considerato che questo “vagar per l’etere” – ci pone a contatto con la varia umanità, con la quale si tesse un rapporto più o meno intenso, sempre cordiale e qualche volta affettuoso - penso che non debbano esistere argomenti tabù.
Facciamo due chiacchiere nel salotto che la tecnologia ci mette a disposizione e ci sentiremo meno soli. Mi sono dilungata ? Ho abusato della vostra partecipazione ? Pardon. L’ho fatto col cuore.

5 commenti:

calendula / trattalia ha detto...

hai pefettamente ragione, ma quando ti abitui al sole lo dai per scontato è un piccolo contrattempo può sembrarti la fine del mondo,io da parte mia cerco di ricordarmi ogni giorno di quanto la vita sia meravigliosa.... queti giorni poi ancora di più...è tempod i piantare i bulbi..che bello !!!

Renata ha detto...

CALENDULA - che bello quando il messaggio viene afferrato al volo. Mi riparlerai del miracoloso sviluppo dei bulbi che hai appena interrato ? Mil besitos.

Aliza ha detto...

Cara muccina, molto bella questa lettera, scritta con la vita...è vero la felicità non bisogna rincorrerla ma è necessario riconoscerla. Compagna di viaggio, adombrata da mille cose che sembrano prioritarie, ci accorgiamo di lei quando viene meno. Quanta felicità la salute, ma ci accorgiamo di questo quando se ne va. Così tantissime altre cose...riflettere su questo ci fa toccare la felicità, grazie Renata un bacione A.
P.S. sono stata molto presa da mia suocera e ho trascurato gli amici blogger

Luigina ha detto...

Muccina, sarò egocentrica, ma mi sembra di capire che l'hai scritta un po' anche pensando a me questa letterina toccante. Come hai ragione: lo sto sperimentando sulla mia pelle, ma tante volte è difficile essere consapevoli dei doni che la vita ci offre, quando si sta bene e tutto fila liscio. Ti ringrazio di avermi fatto riflettere su questo e ti abbraccio forte

Renata ha detto...

Buona sera Aliza, sono contenta di sapere che non vi annoio. Anzi mi date l'impressione di gradire, questo costante richiamo alla gioia che che ci passa accanto e che spesso sottovalutiamo. Non chiedo di più e mi godo questa bellissima conndivisione.
---------------------------------
Ciao Luigina, certo, ho pensato a te che solo pochi mesi fa trovavi naturale una situazione che, invece, rappresentava un privilegio.
Una situazione che, per essere ripristinata, ti impegna, ti coinvolge e richiede tutto il coraggio che hai saputo trovare per combattere sorridendo, la tua battaglia.E' certo che sei nei miei pensieri ! Buona nanna.