sabato 3 dicembre 2016

Oggi 3 dicembre

-----------
Oggi 3 Dicembre è la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità.

Auguriamoci che lo Stato se ne ricordi ed abbia a cuore le reali necessità di chi - ai propri disagi - deve aggiungerequelli dovuti alle buche sui marciapiedi, alla mancanza di scivoli che consentano il transito delle carrozzelle.
Le vogliono abbattere le barriere architettoniche o si limiteranno al solito inconcludente bla, bla, bla ?

------------------

Buongiorno al Mondo

------------------------------
Mi piace questo mio desiderio di affacciarmi al computer per porgervi il mio affettuoso "Buongiorno".

Mi dà la carica vedere Ketti che corre e prende posto nella poltrona accanto a me, sorridendo - a modo suo - agitando festosa la coda.

Mi conforta pensare che vi fa piacere leggermi e sentirvi accanto a me per cominciare il giorno.
E vorrei rischiarare questo cielo plumbeo, non per chi ha il sole dentro - ma per aiutare le nostre genti colpite dal terremoto.

Come dice abitualmente l'Amico Antonio " Buongiorno creature !"

venerdì 2 dicembre 2016

Non basta il pensiero !

---------------------------
In questo mese che ci predispone alla gioia, le luci scintillanti e le adescanti vetrine rendono ancora più squallide le esistenze solitarie.

Ma fortunatamente, ognuno di noi può accendere una lucina nel buio di un'altra esistenza. Con poco o in maniera consistente possiamo sussurrare a un cuore in attesa, le magiche parole "NON SEI SOLO !"
I nostri amici animali hanno dimostrato, in molte occasioni, che dovrebbe essere istintivo il bisogno di porgere aiuto. E anche l'Homo è in possesso di magici "poteri", quindi usiamoli. 
Buon dicembre a tutti
----------------------------

giovedì 1 dicembre 2016

Viva faceboock e la tecnologia che - anche la gioia - semina sulla via !

------------------------
Anche l’amicizia, come l’amore, basta a se stessa e non ha bisogno di aggettivi qualificativi come “reale” o “virtuale. E parlo per esperienza ! Ho stretto amicizia in facebook molti anni fa con tre persone alle quali voglio bene veramente e con tutto il cuore.

Lea Russo (romana de Roma),compare spesso nel mio diario del quale è anche la gentile, generosa coreografa. Sappiamo molto l’una dell’altra, apprezziamo reciprocamente il coraggio e gli inevitabili cedimenti e ci vogliamo bene. Sogno e spero di poterla abbracciare al compimento dei miei novanta nel giugno prossimo.se riuscirò a farmi accompagnare a Roma.

L’amico Cesare Lanza, noto giornalista , regista televisivo, scrittore e altro ancora ha il mio affetto profondo per motivi lontani da questi suoi meriti. Anche lui romano ha da circa dieci anni, un rapporto epistolare, non sempre intenso, ma costante e sono certa del nostro reciproco affetto. Ci incontreremo nei prossimi giorni perché Cesare verrà a Brescia e vivrò un momento di grande gioia.

Con il porf.Bruno Rachele di Laureana di Borrello (R.C.). solitario insegnante in pensione, l’amicizia si è interrotta dopo anni, quando sua sorella mi ha comunicato, la sua improvvisa scomparsa e assicurandomi di essere stata io, costantemente presente nel cuore di suo fratello. Non lo dimenticherò.

Tre cari amici mai incontrati di persona, legati a me da un sentimento forte che sfida il tempo e la distanza. E nutro sentimenti affettuosi - sicuramente ricambiati - con altre persone che frequento in faceboock – mai viste - non meno importanti di altri amici di cui conosco la fisicità.

La tecnologia favorisce contatti che possono trasformarsi in amicizie autentiche e sinceramente gratificanti e solide Garantisco ! muccina
----------------------------------

mercoledì 30 novembre 2016

Femminilità.

-------------------------
Una ragazza mi chiede : Quando si quieta la femminilità ? "

"Mai tesoro ! Si finge, ci si adatta, ci sforziamo di accettare gli insulti della vecchiaia e continuiamo a mentire, ma la femminilità muore soltanto CON NOI.E - fino alla fine - rimaniamo come eravamo ! Assetate d'amore "

-------------------------

martedì 29 novembre 2016

Amarsi é volersi bene !

--------------------------------

lunedì 28 novembre 2016

Vorrei affrontare un argomento molto serio.

--------------------------

Ho un convincimento che il tempo non é riuscito a scalfire, e vorrei provare ad esternarlo. Lo accarezzo da sempre e anche se sembrerà utopistico so, per certo che molti ne condividono l'essenza. Nelle varie religioni troviamo narrazioni diverse, storie e nomi che aderiscono a diverse verltà, ma io credo che LUI, DIO voglie soltanto l'armonia tra i popoli.

Sotto nomi diversi, sotto diverse sembianze UN UNICO DIO é il Dio di tutti e non ci vuole vedere in contrapposizione gli uni agli altri ! DIO ha braccia abbastanza grandi per accoglierci tutti nel suo abbraccio. Ci chiede di praticare lo scambievole soccorso e vuole certamente il rispetto delle diversità e la massima comprensione.

Vedere che usiamo il libero arbitrio per combatterci vicendevolmente credo sia fonte di dolore per Lui che ci vorrebbe in perenne armonia. Nel lungo percorso ho trovato innumerevoli adesione a questo mio radicato pensiero. Ce ne sono anche qui ?
--------------------------------

domenica 27 novembre 2016

Considerazioni ovvie, bellamente ignorate !


--------------------------------
Giornale di Brescia - domenica 27 novembre 2016
block notes di renata mucci
---------------------------------

         Sicurezza sulla strada.


        
O c’è in me l’incapacità di accettare la realtà o c’è, nella realtà, qualche anomalia di troppo. Non ha senso, tanto per chiarire, che venga definito “omicidio involontario” quello perpetrato da un ubriaco o da un drogato alla guida di un’automobile. Un individuo che sale sulla sua autovettura, parte velocemente  e investe in pieno una o più persone, se viene arrestato,  gode di assurde, inaccettabili attenuanti. 

Ma insomma, si tratta di incoscienza colpevole e assolutamente volontaria che stronca vite innocenti e pertanto punibile con il massimo della pena. Altro che attenuanti !. Io ho rinunciato a rinnovare la patente appena la mia vista si è dimostrata carente e inadatta alla guida e ritengo di aver fatto soltanto il mio dovere. Quello stesso dovere che è obbligatorio per tutti .

L’attuale interpretazione di una legge – già di per sé carente – consente a questi assassini di cavarsela quasi sempre con lievi pene sempre inadeguate. Sappiamo tutti che ci si deve mettere alla guida perfettamente sobri. Lo sappiamo tutti, che perfino la sonnolenza è colpevole, sappiamo che nel momento in cui uno accosta alle labbra un bicchiere di una qualsiasi bevanda alcolica o peggio ancora sniffa qualche sostanza che lo limita nelle sue facoltà, lo sa di essere un potenziale pericolo pubblico. E’ inutile girarci intorno. Lo sa e se ne infischia ! Questo è il vero punto dolente e sarebbe proprio il caso di rendere esemplari le pene conseguenti ad un omicidio quale che sia l’arma usata. 

E concludo con un mio aforisma che spero sia convincente :   Droga e alcool sono armi improprie. Se salgono in macchina con te, possono fare di te un assassino, che tu lo voglia o no.” (r.m.)
---------------------------------