sabato 17 novembre 2018

----------------------------------
L'amore che ti arricchisce e ti migliora veramente, è quello che dai. 
A chiunque, comunque, ovunque..
--------------------------------

giovedì 15 novembre 2018

--------
Recentemente, dissertando sul tema vecchiaia qualcuno afferma “per i maschi la perdita di vitalità e virilità è catastrofica” e io intervengo d’impulso, affermando : “Male, perché in ciò che voi uomini custodite tanto orgogliosamente tra le cosce non c’è la parte migliore di voi e comunque non la più importante”!  
---------------------

domenica 11 novembre 2018

Benvenuto autunno !


Giornale di Brescia 12 nov.2018
Lettere al Direttore
--------------------------------

E’ proprio vero che il cambio di stagione ci coinvolge tutti, fisicamente e interiormente, ma mi sembra di poter dire che ciò avviene, più marcatamente, in primavera e in autunno. In primavera, infatti è difficile sfuggire al risveglio festoso della natura mentre l’autunno ci invita a cercare calore tra le braccia di chi ci vuol bene. 
E la stagione autunnale che ci apprestiamo a vivere ci coinvolge risvegliando dolci sentimenti che chiedono conferme. Ecco quindi che si rinnovano gli allegri incontri conviviali che si manifestano a tavola con l’invitante polenta e qualcosa o con altri piatti tradizionali  suggeriti dalla zona di appartenenza, il tutto connotato dal piacere di ritrovarsi. 
Con i camini accesi, le strette di mano e i sorrisi si fanno più cordiali e complici e il rientro a casa – dopo il lavoro - diviene più affrettato e gioioso. In autunno è naturale e spontaneo sentirsi più tolleranti e comprensivi ed è questa una sensazione davvero gratificante. Piena di gratitudine anche per gli affetti sinceri e datati, accolgo i giorni sempre più brevi e le lunghe notti con dolcezza particolare e sussurro “Benvenuto autunno !” - 
renata mucci - Brescia 
---------------------------------

venerdì 9 novembre 2018

replay

-------------------------------
2 anni fa
Renata Mucci Muccina ha aggiornato il suo stato.
Peccato !
Ho sperato fino all'ultimo nell'elezione della Clinton perché è donna, perché è madre. e perché le femmine, le donne e le madri, NON si sono mai divertite a giocare con i soldatini. Né con quelli di gesso e, tanto meno con quelli in carne ed ossa.!

mercoledì 7 novembre 2018

--------------------------------
Giornate da rallegrare con polenta e qualcosa. 
Può bastare anche un uovo al burro e del buon gordonzola !
-------------------------------

domenica 4 novembre 2018

La luna di giorno - Filastrocca


--------------------------------
3 novembre 2014 

Ecco è lì alta nel cielo,
senza un’ombra,senza un velo
una bella luna piena
pavoneggia in piena scena


Poi, si toglierà di torno,
per lasciare spazio al giorno
e Il miracolo rinnova
per poi metterci alla prova !


Dai facciamogli vedere
che di ciò sappiam godere
che apprezziamo tanta gloria
mentre noi facciam la storia !


Siamo caldi, siamo forti,
e ci opporremo sempre ai torti
per proporci ai nuovi albori ,
con gran lena e un po’ migliori.


muccina

------------------------------------

sabato 3 novembre 2018

Lasciamoci così, senza rancore.

Giornale di Brescia - 3 novembre 2018 
 Lettere al Direttore
Tutto ciò che ha un inizio avrà una fine, in un modo o in un altro e sarebbe auspicabile che si facesse propria, in ognuno, questa imprescindibile verità. Possiamo amarci, possiamo fare un pezzo di strada insieme nella vita, ma le nostre strade possono anche divergere.

Niente è per sempre e, soprattutto non si può possedere un individuo che ha diritto alle sue scelte personali e al totale rispetto, anche nel dolore di una separazione. Nella nostra connaturata incoerenza, non ci facciamo domande quando l’amore nasce, ma ce ne poniamo, perfino di assurde quando un amore finisce. Ci chiediamo perché? Da quanto? Come mai? e se alla base c’è l’infedeltà, ecco che si farà strada quello spiritello maligno pronto a sibilare “te la farò pagare”.

Nascono a questo punto rancori che spesso si esplicitano con ripicche che hanno per oggetto i figli. Si cavilla anziché venirsi incontro e si dimentica quell’amore genitoriale che dovrebbe essere alla base del rapporto genitori/figli.  Quando si decide di uscire da una situazione logora e divenuta ambigua, certo non conviene rimanere incerti al bivio. Una volta presa una decisione sarà imprescindibile ricordare che “si può cessare di essere una coppia ma non si smette di essere genitori”. 

Sottovalutare questa sacrosanta verità ci rende colpevoli- Se i figli sono piccoli potrà bastare la discrezione e l'affetto, mentre è consigliabile il coinvolgimento, se i figli transitano nel loro periodo adolescenziale o se l’hanno già superato. In questi casi i ragazzi avranno già avuto sentore dei travagli coniugali, ma comunque e in ogni caso è bene che diventino partecipi e non vittime di una situazione già difficile.    

renata mucci -Brescia 
------------------------------------------

venerdì 2 novembre 2018

Il coraggio di farsi da parte.

-------------------------------

Giornale di Brescia 2 novembre 2018
pag 9 - blok notes di renata mucci
----------------------
Dipanare la matassa, ovviamente attorcigliata attorno all’amore genitoriale, non è facile. Con la mia esperienza di figlia, comincio con ammettere di aver provato sentimenti di insofferenza nei confronti dei miei genitori. Ed è capitato a tutti di cullare il legittimo desiderio di procedere in maniera autonoma a cominciare dal periodo adolescenziale, mentre cerchiamo di affermare - anche a sproposito - la nostra presunta autonomia. 

Oppure, quando facciamo scelte che ci riguardano direttamente e rivendichiamo il nostro diritto all'errore. Oppure, quando "mettiamo su famiglia". Oppure, ed è un caso frequente, quando già dobbiamo mediare tra le esigenze del partner e quelle dei figli e anche la più affettuosa interferenza ci crea soltanto ulteriori disagi. Insomma...càpita ed è inevitabile se consideriamo che siamo forse l'unica specie che ambisce a partecipare eternamente al divenire dei figli.

Ma viene momento in cui dobbiamo restare in disparte senza interferire. E questo chiedono i figli ! A quel punto, basterà ammettere che - ciò che offriamo ai figli - l'abbiamo a nostra volta, già ricevuto dai nostri genitori, parlo in generale, ovviamente. Ma ho sentito affermare "Però, quando hanno bisogno d'aiuto vengono da noi!" E dove dovrebbero andare? Non è bello, rimanere disponibili, contribuendo alla loro serenità ? 

Dobbiamo soltanto ricordare come eravamo. Loro, come noi, vogliono volare...vogliono librarsi da soli per cercare altri lidi, altri compagni e se sapremo sorridere guardando il loro volo, ci riserveranno un angolo privilegiato dei loro cuori. Almeno di questo, ritengo di poter essere certa. renata mucci
-------------------------------