sabato 22 luglio 2017

La femminilità !

----------------------------------
2014 - replay

Un'amica mi chiede : Quando si quieta la femminilità ? "
"Mai tesoro ! Si finge, ci si adatta, ci sforziamo di accettare gli insulti della vita che scorre,e continuiamo a mentire.

Ma la femminilità muore soltanto connoi e, - fino alla fine - rimaniamo come eravamo, assetate d'amore .

muccina
--------------------------------


venerdì 21 luglio 2017

Le sere troppo piene di stelle.

------------------------

Le serate estive che ancora ricordo erano sempre magiche, coinvolgenti, lunghe e suggestive, comunque venissero trascorse

Poi, rare, c'erano le serate speciali e non soltanto quelle di coppia.Ricordo le splendide serate di "Teatro il villa" con belle commedie in contesti speciali, privati e molto accoglienti. Indimenticate.

Ma a volte, a creare un'atmosfera spensierata e speciale basta l'anguria gustata al fresco o un gelato in compagnia.

Sono sempre speciali le serate estive !
------------------------------

Cantiamo e ridiamo di cuore !

-----------------------------

In qualsiasi stagione della vita, quale che si l'età anagrafica è opportuno, bello e doveroso, liberare ogni tanto il bimbo che c'è in noi. Abbandonare la composta seriosità, cantare e lasciare spazio allo stupore, all'entusiasmo, alla semplicità. Ridere per niente, fare un girotondo e soprattutto stupirsi osservando le cose note. Il sole, la natura, la bellezza ovunque essa sia.è un ottimo esercizio per la mente e per l'anima.

Feliz dia, amigos !
------------------------------

giovedì 20 luglio 2017

Chi dorme e chi veglia.

Giornale di Brescia - 20 luglio 2017
--------------------------------------
L’altra notte mi sono svegliata mentre gli addetti erano intenti alla pulizia delle strade e il mio pensiero li ha seguiti a lungo. Poi, verso l’alba, ho notato le lucine intermittenti di un veicolo in sosta, impegnato a vuotare i cassonetti. Erano quasi le sette e impulsivamente ho aperto la finestra e - agitando la mano in segno di saluto - ho gridato " Buon lavoro ragazzi !". 

"Grazie ! " fu la sorridente, stupita risposta. E io, ho continuato a sorridere, rassicurata dal lavoro di chi silenziosamente contribuisce al nostro benessere. E ce n’è tanta ! Ma mi limito a ricordare gli infermieri che fanno i turni di notte negli Ospedali o dovunque serve assistenza e, anche a loro – alla fine dei loro turni di lavoro – vorrei dire ad alta voce : “grazie !”

E’ vero che sono retribuiti e fanno semplicemente il loro dovere, ma un grazie, gratifica e certamente non è mai sprecato. Se pensate che questa  vecchia amica sia un po' pazza, vi dirò che vorrei pieno il mondo di pazzi come me che amano, l’allegria, e la serena comunicazione tra la gente.  renata mucci - Brescia
----------------------------------------

lunedì 17 luglio 2017

I binarii

---------------------------
10 luglio 2014 replay
 ·
Credo nell'efficacia dei binari. 
E' bene contenere anche la generosaità 
ricordando che, essere generosi è facile, 
ma è meglio e più difficile essere giusti.
------------------------------------------------

domenica 16 luglio 2017

Filastrocca festiva.

---------------------------------

Buona domenica a grandi e piccini
che con affetto si stringan vicini
per uno scambio di vero amore
che scaldi il giorno ed anche il cuore.


Buona domenica amici miei cari
facciam che i sorrisi non siano rari
Posiam lo sguardo con benevolenza
su tutto e su titti con compiacenza


Apriamo i cuori, apriamo le braccia
dell'egoismo cancelliamo ogni traccia
questa domenica sia giorno di gioia
lontana dai guai, senz'ombra di noia !

---------------------------------------------

sabato 15 luglio 2017

-------------------------
 Ancora il mio pro nipote Riccardino :
 

"Nonna bis, mi racconti ancora la favola di Biancanani e i sette nevi ?"
" Biancaneve e i sette nani tesoro !" rispono ridendo.

-------------------------

venerdì 14 luglio 2017

Piove !

--------------- ·
Una sommessa pioggerella sta a connotare questa mattinata. Accolta con gioia dal terreno riarso e bruciato dal sole dei giorni scorsi. Sei la benvenuta pioggia gentile che ristori il terreno e pulisci un po' l'aria.
La moka borbotta e festeggia con me. Vado a gustare i mio nero caffè pensandovi, cari amici e, facciamo che sia un buon giorno. WOW !
--------------------------------

giovedì 13 luglio 2017

Tutto passa, tutto ci lascia e tutto si rimpiazza.

------
Tutto passa e inesorabilmente ci lascia. Sia il male che il bene quindi, vale lasciar che il male passi e godere il bene, attimo dopo attino. 


CAPITTOMIHAI ?
--------------------------------

martedì 11 luglio 2017

I comportamenti cambiano. NON sempre in meglio !

---------------------------------
-- La paghetta settimanale ai figli rientra ormai tra gli obblighi genitoriali e, mentre ne parlavamo recentemente, mi é tornato in mente - per contrasto - un episodio che mi riguarda.

Mia madre era stata informata dalla mia insegnante di italiano in ordine al mio profitto scolastico. Alla fine del colloquio, vedendo il suo sorriso soddisfatto azzardai : " Allora?" “
"Allora, sono contenta che non abbiamo buttato soldi dalla finestra. “ lunga pausa e poi “Madre Savoldi mi ha detto che fai il tuo dovere, e che hai anche una bella parlantina.”


Sperando in un premio dissi: “Allora ?” “ Alura, ades che te ghet emparat be ‘ a parla’, te garet de empara’ bé….a fa sito !” Che, nel nostro rude, incisivo dialetto significa : “Allora, adesso che hai imparato bene a parlare, dovrai imparare altrettanto bene….a tacere.”

Davvero una bella differenza !
--------------------------------------

lunedì 10 luglio 2017

Ti ho cercato.


Da "La gazza Ladra" di renata mucci

Ti ho cercato

- ti ho cercato là dove una mano sacrilega uccideva un padre.
- ti ho cercato dove un bimbo indifeso subiva attenzioni, sporche, spregevoli;
- ti ho cercato accanto ad un uomo senza braccia che pur nella pienezza della maturità esibiva la sua menomazione mendicando
- ti ho cercato sgomenta nel reparto oncologico infantile dove bimbi incolpevolmente sofferenti eludono, con l'ingenuità dello sguardo fiducioso la loro tragedia personale.
E mi sono chiesta : Ma dove si posa il tuo sguardo? Dove? Vedi quello che vedo io? Vedi che a quel paradiso che ci è stato dato in sorte, vengono indirizzate ignobili e meschine finalità? Dove sta andando questa umanità composta da eroi, criminali, santi, intrallazzatori, geni, imbecilli, individui mediocri e persone eccezionali?
Quando la ribellione stava per cedere il posto alla sfiducia mi è parso udirti sussurrare: " Ti ho dato il libero arbitrio".
Ho creduto di capire e ho continuato a cercare.

Poi, inaspettatamente ...
- ti ho intravisto sull'ambulanza che mi trasportava nell'emergenza ed eri negli occhi amorevoli di una sconosciuta che mi regalava conforto;
- ti ho percepito nella mano che stringendo la mia, mi richiamava alla realtà.
- ti ho trovato nel sorriso di un ragazzo che, in una casa di riposo, regalava gioiosamente il suo tempo a un’ anziana signora.
- ti ho visto a fianco dei City Angels che aggirandosi nella notte soccorrono i miseri e disadattati.
- ti ho incontrato nella generosità di chi si prodiga senza compenso nell'emergenza e nella quotidianità.
- ti ho rivisto negli occhi di madri coraggiose.
- ti ho riconosciuto nella disponibilità di un amico, nella dedizione di unsegnante, in chi lavora con onestà, in chi si sforza di praticare quotidianamente la tolleranza.
-
Dio! Tu sai che la natura umana è debole. E' facile dimenticare che il sole sorge ogni giorno anche per noi; è comodo investire altri di responsabilità che ci competono; è confortevole costruire un guscio in cui ripararci.

Ma finalmente ho imparato. Cercherò quindi di spaziare con lo sguardo senza mai dimenticare che dare spazio alla speranza e risollevarsi dopo essere finiti in ginocchio è possibile. Attiverò le inesauribili risorse di cui disponiamo e .......continuerò a cercarti là dove so di trovarti.
------------------------------------------------


Si, possiamo !

----------------------------------------

La parola conclusiva di una dietologa giapponese..


" MANGIA SEMPLE, UNA FOLCHETTATA MENO ! "

N.B. la elle in luogo della erre è consapevole.
Proviamo, dai !
-------------------------------------------

domenica 9 luglio 2017

A settembre, con gioia !

---------------------------
block notes di renata mucci
Giornale di Brescia 9 luglio 2017
------------------------------------
N.B. L'interruzione, riguarda soltanto il block notes domenicale sul Giornale di Brescia
------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 
Cari amici, questo mio è un arrivederci. Stacco la spina e chiudo per ferie. Sospendo oggi 9 luglio e riprenderò domenica 3 settembre. Spero che questo sia per voi tutti un periodo sereno e rilassante, sia che restiate o che vi concediate un viaggio, un cambiamento. E’ talmente tutto bello il mondo che c’è soltanto l’imbarazzo della scelta, pronta a cullare i vostri desideri, le vostre prefeenze. Freschi boschi, montagne verdi o laghi azzurri, mari sconfinati e colline in rfiore o anche un totale relax in città. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche. 

Io amo la mia città in agosto, quando  i parcheggi si rendono disponibili, i pedoni sono più rilassati e i tavolini dei Ber sembra si rianimino. Mi piacciono i banchetti dove ci si può sedere per gustare la fresca, dolce anguria e dove i sorrisi sono spontanei. Mi capiterà di vedere papà e mamma in bicicletta mentre tengono d’occhio i due picinì sulle loro biciclettine. E mi godrò lo spettacolo. 

Non aspetto le simpatiche cartoline con i “Saludi da…..” perché oggi sono i messaggini col cellulare a fare la differenza. Però le rimpiango un po’ le cartoline che occhieggiavano dalla cassetta delle lettere, ma mi adeguo e accolgo con gioia qualsiasi forma di contatto. 

Io lascio per un breve periodo l’impegno settimanale col pensiero già rivolto al 3 settembre, giorno della ripresa. Spero che le mie “quater ciacere” vi manchino un po’ e che vi prepariate ad accogliere a settembre l’abituale domenicale appuntamento. 

Vi saluto, ma non vi lascio! Approfitterò di questa pausa per riordinare i pensieri e cercare nuovi spunti per un rientro che si gradevole. Il tempo vola, cari amici ! A settembre, con gioia !
----------------------------------

sabato 8 luglio 2017

Lettera ad un padre.

------------------------------


ROMA - 
 
Caro papà, me dispiace morto dovette dìche me ne so’ annata cor mio novo ragazzo. Ho trovato er vero amore e lui, dovresti vedello, è così gajardo co’ ttutti i suoi tatuaggi, er piercing e quaa grossa moto così veloce.
Ma nun è tutto papà : finalmente sò incinta.
Abdul dice che staremo benissimo nella sua roulotte in mezzo ai boschi. Lui vole avè tanti bambini e questo è anche er sogno mio.
E dato che ho scoperto che 'a marijuana nun fa mmale, noi 'a coltiveremo anche pii nostri amici, pe quanno nun avranno più 'a cocaina e l’ecstasy de cui hanno tanto bisogno.
Ner frattempo, spero che 'a scienza trovi na cura pe ll’AIDS, così Abdul potrà stà un po’ mejo: è così bono e so merita!
Papà, nun preoccupatte, ho già 15 anni, so badà a me stessa.
Inortre Abdul, forte dei suoi 44 anni, me seguee, me consija ar meio nee scerte, come quella de convertimme all’islam.
Spero de venì a trovatte presto, così potrai conosce i tuoi nipotini.” 'A tua adorata bambina

PS: Tutte cazzate a papà !!! Sto dai vicini. Volevo solo ditte che nella vita ce so cose peggiori daa pagella che t’ho lasciato sur commodino !!!



Su,su battiamo le mani.Il perchè NON importa !

8 luglio 2016 - replay
----------------------------------
“Su, su battiamo e mani, che arriva i direttor ! “
E l‘esortazione, ben si adattava al contesto della Scuola Elementare, ma che ne pensate dell’abitudine dilagante di battere le mani, continuamente e mi permetto dire stupidamente.

Come scimmiette ammaestrate i concorrenti dei vari quiz televisivi applaudono e si applaudono sia quando danno risposte pertinenti, come quando dicono cavolate o sbagliano la risposta.
E avanti con gli insulsi battimani che non hanno alcun senso.

Passo un’oretta ogni sera con il pre/serale “reazione a catena” su RAI 1 e noto che, ormai, anche concorrenti intelligenti si sbrodolano addosso applausi, quasi sempre ingiustificati.
Ma considerato che questa abitudine dilaga in qualsiasi programma di intrattenimento, mi sorge il dubbio di essere una mosca bianca.

Voi amici miei, che mi dite? 
----------------------------------

venerdì 7 luglio 2017

Luglio, sei il capolavoro dell'estate.

Giornale di Brescia giovedì 6 luglio 2017
-----------------------------------------------

Ben arrivato luglio! C’è chi si aspetta molto da te, lo sai? Agosto è il mese delle ferie, ma tu sei quello delle vacanze e io vi leggo una certa differenza. Luglio, sei un gran bel mese, molto evocato, rimpianto e atteso ogni anno, ma sei anche carico di responsabilità. Tu non sei capriccioso come marzo e aprile e sei più stabilmente caldo e rassicurante di maggio e giugno. 

Sei il capolavoro dell’estate ma, manterrai la promessa di far incontrare l’amore a chi lo aspetta ? Ce la farai a ravvivare amori illanguiditi? Saprai cullare dolcemente i sogni degli adolescenti ? Saprai rincuorare i tuoi più maturi fans ? Saprai fugare eventuali incertezze spronando le scelte nei sentimenti più importanti ? 

Dubbi e aspettative gravano sul tuo scorrere, ma almeno una certezza sta nella gioia dei bimbi che, con la chiusura della scuola, vivo il onloro ruolo spensierato e giocoso. E l’augurio è che ciò valga per tutti i bimbi arai pnel mondo. 

A te luglio, che sei caldo e affidabile chiediamo sommessamente «Ci dai una mano? Srodigo di quei semplici doni che alloggiano tutti nell’ amore ?» A te affidiamo le nostre speranze con un fiducioso «Benvenuto Luglio!»

// Renata Mucci Brescia

-------------------------

Un vero amico che ha tutte le virtù dell'uomo, ma non i suoi vizi.

--------------------------------
Un amico peloso a quattro zampe è la miglior medicina per chi sente il bisogno di ricevere affetto.
  1. Un cane o anche un gatto colgono dall'espressione del viso o della voce, sfumature che l'homo non sente. Festeggia ogni vostro ritorno ed è sempre pronto a donarsi. Ha bisogno di poco, cibo e acqua indispensabili alla sopravvivenza e, in cambio, offrono la più valida terapia contro qualsiasi malimconia.

Ma resto convinta che TUTTI gli animali siamo potenzialmente capaci d'amare. Sarebbe bello riuscire a non dimenticarlo.

Ciao bella gente !

-------------------------------------

mercoledì 5 luglio 2017

Un capolavoro in romanesco.

------------------------
Quella vecchietta cieca che incontrai la sera che me persi dentro ar bosco, me disse: 

“Se la strada nun la sai, te ciaccompagno io, che la conosco. Se ciai la forza de venimme appresso, de tanto in tanto te darò na voce, fino là in fondo dove c’é un cipresso, fino là in cima dove c’é na croce.”fondo dove c’é un cipresso, fino là in cima dove c’é na croce.”òòRisposi : “Sarà...ma trovo strano,

Risposi : “Sarà...ma trovo strano, che me possa guidà chi nun ce vede!”La cieca me pijò la mano e sospirò : ”Cammina...” Era la Fede.

Trilussa

----------------------------------

lunedì 3 luglio 2017

Un fiore in un bicchiere è il mio giardino.

Giornale di Brescia domenica 3 luglio 2016
block notes di renata mucci
-----------------
   Forse è l'età, forse il timore di non fare in tempo, o anche il mio bisogno viscerale di limpidezza. fatto sta che l'essere esplicita è per me una necessità e anche un' abitudine che non voglio perdere. Sono così anche nella vita reale, un po’ ruspante e sempre genuina 


E a chi mi chiede il segreto della mia serenità, propongo un comportamento veramente alla portata di tutti e consiste, principalmente nell’apprezzare la normalità e nel mantenere vivo il piacere dell’apprendere !. Recentemente ho anche scoperto un anti depressivo naturale che consiste nell’ elencare – al primo accenno di inquietudine - tutto ciò che c'è di positivo nella vita. Ciò sprona a valorizzare la giornata e a ridimensionare gli inevitabili inconvenienti. Mi sono allenata caparbiamente a gustare anche l’insignificante. E mi aiuto con una riflessione : La bocca - tanto per fare un esempio - non è un corridoio di transito per gli alimenti, ma un laboratorio, una sosta di degustazione quindi, invece di deglutire frettolosamente, gustiamo, sorseggiamo. 


E se, rallentando i ritmi, inseriamo questo concetto in ogni gesto, in ogni atteggiamento , ci assicuriamo certamente una maggiore serenità. Soffermiamoci anche a prendere atto del nostro potere, della nostra influenza “sull’altro” ,pensate ! possiamo alleviare un malumore o distendere una ruga se ad un “buongiorno” aggiungiamo un sorriso con una credibile spontaneità, Non affidiamo ai grandi eventi, il compito di connotare la nostra esistenza, ma indugiamo nelle piccole cose, assaporandole.. Ne trarremo innumerevoli motivi di gioia. Garantisco ! 

Ecco, in sintesi, il segreti della serenità. Almeno della mia.
----------------------------


------------------------------------------------
LA NATURA CI E' MADRE E NUTRICE

ma è giusto ricordare al mondo 
che è anche
musica,teatro,arte, poesia
                                                 --------------------------------------------

domenica 2 luglio 2017

C'è musica nell'aria.

------------------------------

Da un appartamento vicino arriva alle orecchie e nell'anima la musica del Sirtaky e ci ricorda che la vicinanza geografica alla Grecia ha il profumo dell'appartenenza.

Anthony Quinn, americano respira l'anima di Zorba el greco, Napoli ascolta e la Spagna entra nel coro mentre il mondo sorride.

La musica affratella e ci ricorda la dolce fragilità dell'esistenza. L'Amore vibra nei nostri cuori. Ascoltiamolo.

-------------------------------

L'aiutino che viene da face book

block notes di renata mucci
Giornale di Brescia 2 luglio 2017

-------------------------------
Dai numerosi consensi che raccolgo il faceboock, riscontro che la quotidiana esternazione di un pensiero, colma l’eventuale vuoto e invita al sorriso. Si crea la gentile atmosfera del sorseggiare, insieme, un caffè e, nell’ affrontare il giorno con una giusta  carica positiva mi accorgo – leggendo i numerosi, favorevoli commenti –  di riuscire a trasmetterla. Salvo imprevisti, scrivo un pensiero ogni mattino sulla mia pagina e gli amici virtuali rispondono da questa finestra sul mondo che, usata con la dovuta cautela, aiuta a mantenerci inseriti anche nel mondo tecnologico. Questo è un invito per le pantere grigie, in particolare se devono affrontare la sindrome del nido vuoto o se si ritrovano a godere il tempo libero nell’età della pensione, o anche per chi vuole staccare la spina per qualche minuto. Ribadisco che, come nella vita, si incontrano stranezze e banalità, ma si fanno anche piacevoli incontri che diventano duraturi e sinceramente affettuosi. Per spiegarmi meglio, a titolo di esempio, trascrivo in calce la riflessione che ho inserito stamattina e che, almeno  nell’intenzione, vuol essere un invito alla serenità.
 " Consapevole e grata, centellino la vita. Sorrido al nuovo giorno con lieto stupore. Carezzo con lo sguardo, gli alberi, il cielo, il mondo. Quel nero silenzioso che, vicino al parcheggio, spera “in un aiutino”, mentre due innamorati si baciano più in là. Quel ragazzo che corre, il vecchio che va piano, la mamma che sorride al bimbo e ai suoi perché.. L’aria che vien da fuori, il tepor della casa e la mia solitudine che chiamo libertà. Guarderò nello specchio il mio volto segnato e poi, teneramente, mi sorriderò. 
----------------------------

sabato 1 luglio 2017

Onestamente !

-------------------------------------
Troppa grazia Sant'Antonio ! Si diceva una volta quando tutto sembrava perfetto. 
E questo dico stanattina, inoltrandomi in questa giornata così serena, così fresca e cos' piacevolmente accogliente.

Buon week end agli amici e al il mondo
------------------------------------