domenica 15 ottobre 2017

La terra (forse) non è il Paradiso

-
Giornale di Brescia domenica 15 ottobre 2017
block notes di renata mucci

La terra, forse non è il Paradiso, ma avrebbe potuto esserlo ! C'erano fiumi limpidi e mari dai colori intensi e limpidi, c’erano boschi e foreste immense. Ma, specialmente in quest’ultimo secolo abbiamo agito con insensata avidità, disboscando e inquinando acque e aria. 

Comunque un intervento a favore è ancora possibile specialmente se sapremo ricordare che abbiamo ricevuto in prestito dai nostri genitori ciò che di bello ancora rimane, per poi consegnarlo ai nostri figli. Invece, abbiamo usato i fiumi come discariche, abbiamo inquinato i mari e disboscato zone verdeggianti distruggendo risorse immense. E lo sappiamo bene che sradicando alberi (le cui radici danno stabilità al terreno) la terra frana e trascina con sè persone e cose. Abbagliato dal luccichio effimero del denaro l'Homo è diventato incosciente e pericoloso per se stesso e per l’ambiente. 

E mi chiedo dove attingo la mia insopprimibile fiducia nel futuro dell'umanità. Forse nelle migliaia di persone come me e negli individui generosi come Gino Strada e nei suoi collaboratori, nel medici senza frontiere, nei volontari sulle ambulanze e nei i tanti eroi del quotidiano.Mi danno speranza gli alpini che si sono radunati sempre e tempestivamente, nelle zone terremotate o dove la natura si è ribellata agli interventi insensati dell’uomo. E ritrovo la forze della speranza nella gente operosa che transita sulla strada ancora percorribile dell'onestà, nello sguardo limpido e fiducioso dei bimbi per i quali vale ancora la pena di lottare ! E se il cielo è pieno di nubi minacciose è giusto sperare in una nuova alba perché dopo qualsiasi temporale, torna sempre il sereno, seguito spesso dall’arcobaleno.(r.m.)
------------------------------

venerdì 13 ottobre 2017

Dedica

----------------------------------------
Mi hanno dedicato una breve poesia che mi ha fatto sorridere grata :

" Se la vita ti ha beffata o ti senti un po' sfigata
potrai dirti fortunata se vedrai donna Renata "


Grazie ancora.
----------------------------------------

giovedì 12 ottobre 2017

Applausi assurdi.

------------------------------
Giornale di Brescia 12 ottobre 2017
Lewttere al Direttore
Penso che molte persone rimangano, come me perplesse davanti all’assurdità di alcuni comportamenti. Mi riferisco a spettacoli e quiz televisivi nel corso dei quali i concorrenti applaudono e si applaudono continuamente. 

Per ogni risposta giusta applausi e ugualmente dopo ogni risposta sbagliata. Come scimmiette ammaestrate applaudono sempre e comunque. Ed a ciò aggiungo le risate isteriche che suscitano perplessità. Ogni volta che viene espressa una risposta sbagliata, giù a ridere, a lungo, stupidamente. 

Non credo di essere sola a restare sgradevolmente basita davanti e tali comportamenti. semplicemente ripetitivi ed assurdi. Sbaglio ? – renata mucci - Brescia
----------------------------

domenica 8 ottobre 2017

Il profumo del fiore non colto.

 ·
Giornale di Brescia domenica 8 ottobre 2017
block notes di renata mucci

il profumo del fiore non colto.

Il fiore che non colsi ! E’ forse il titolo di un romanzo oppure di un film ? Non so e non ricordo, ma la frase ben si attaglia alle occasioni perdute, alle rinunce consapevoli , ai - più o meno volontari – atteggiamenti di rifiuto o di prudente cautela.
Guardo i miei fiori non colti, appassiti e riconosco la mia rinuncia allo studio. Quel fiore bagnato dal mio pianto è morto soffocato dall’amarezza vicino a quell’altro fiore che è la mia rinuncia, volontaria, a riprendere a nuotare, dopo uno spavento. Avrei dovuto reagire, avrei dovuto lottare per realizzare i miei sogni.
Fiori non colti e sempre rimpianti, lasciati inaridire forse per colpevole inerzia. Ma non voglio fare qui un elenco dei “no” più o meno motivati che hanno comunque cambiato il corso degli eventi che mi riguardano.
Chiedo a voi se ricordate quel fiore che non avete colto, che avete lasciato appassire, forse coraggiosamente o, al contrario, colpevolmente. Un solo fiore – non colto – merita una carezza lieve, consapevole e grata. Non colto per rispetto, per amore per non sciupare qualcosa di particolarmente delicato. Ed è questo il caso in cui il ricordo sfiora con gentilezza l’orgoglio per aver ben agito e sommuove nell’anima un profondo, gratificante, compiacimento. I
o credo che ci sia in ogni percorso un fiore appassito al quale sorridiamo nel ricordo, un fiore dal profumo speciale che sa di malinconia. La rinuncia a un amore sfiorato, il rifiuto a un invito intrigante, l’aver girato le spalle ad un’occasione sono fiori non colti per paura, per prudenza o istintivamente lasciati sfiorire. Fiori che forse non meritano il rimpianto ma, certamente meritano un ricordo e un sorriso (.r.m.)
.......................................................

domenica 1 ottobre 2017

L'elogio dell'autonomia.

-------------------------------------
block notes di tenata mucci
Giornale di Brescia domenica 1° ottobre 2017
-------------------------
L'elogio dell'autonomia.
L'autonomia è la cosa più bella che ci sia ! Se poi viaggia fianco a fianco con l'efficienza - che sott'intende buona salute e intelligenza - siamo quasi al punto più alto delle più appaganti emozioni . Ma, per contro, pare che siamo destinati ad apprezzarla, quando cominciamo a perderla. 

Credo sia così per tutti, ma – con maggior competenza - parlo per me. Per me che ho avuto la fortuna d’invecchiare e riesco ad accettare serenamente tutto ciò che è appannaggio di una normale vecchiaia. Sto utilizzando roba usata che risente dell’usura e sto arrivando ad un’alta gradualità di dipendenza. Però, difendo con tutta me stessa l’ambito strettamente personale e riesco a gestirlo alla grande, lasciando anche spazio ad una residua civetteria alla quale sorrido con solidale comprensione. E traggo vantaggio dal fatto che, certe manchevolezze si traducono in piccoli vantaggi
 
Per fare un esempio, ci vedo poco quindi mi specchio – senza che il sorriso si spenga. Ma ci vedo bene almeno per quanto riguarda il mio rapporto con gli altri perché quello che non vedo…"lo sento" ancora chiaramente e profondamente. Care pantere grigie e volpi bianche (uomini e donne) siamo arrivati dove volevamo arrivare, quindi rigettiamo la teoria del lamento e sostituiamola con qualche sorriso. 

Quando ho deciso di trovare nuovi interessi, ho trovato utilissimo l’uso del computer, ma ben venga qualsiasi attività che aiuti la vivacità mentale a vivere la vecchiaia, serenamente. prendendosi cura della propria efficienza. E’ così bello stare in panchina e guardare gli altri giocare la loro partita. Facciamolo con serena consapevolezza e ne trarremo motivo di gioia. Garantisco ! (r.m.)
--------------------------------------

giovedì 28 settembre 2017

28 settembre

  1. ------------------------------------------
  2. Settembre si sta concludendo in maniera trionfale. Le giornate scorrono luminose con una temperatura ideale e invitano a dirottare l'attesa verso i colori affascinante dell'autunno. Dolcemente, le stagioni combiano, si evolvono o si involvono cambiando il panorama.. 
  3.  
  4. Che ne dite di godere assieme ogni attimo con animo grato ?.
-------------------------------------------

domenica 24 settembre 2017

--------------



Giornale di Brescia domenica 24 settembre 2017
Block notes di renata mucci

Oltre il nido . Lasciamoli volare



  Dipanare la matassa, ovviamente attorcigliata attorno all’amore genitoriale, non è facile. Riandando alla mia esperienza di figlia, comincio con ammettere di aver provato sentimenti di insofferenza nei confronti dei miei genitori. Ed è capitato a tutti di cullare il legittimo desiderio di procedere in maniera autonoma a cominciare dal periodo adolescenziale, mentre cerchiamo di affermare - anche a sproposito - la nostra presunta autonomia. Oppure, quando facciamo scelte che ci riguardano direttamente e rivendichiamo il nostro diritto all'errore. Oppure, quando "mettiamo su famiglia".  Oppure, ed è un caso frequente, quando già dobbiamo mediare tra le esigenze del partner e quelle dei figli e anche la più affettuosa interferenza ci crea soltanto ulteriori disagi. Insomma...càpita ed è inevitabile se consideriamo che siamo forse l'unica specie che ambisce a partecipare eternamente al divenire dei figli. Ma viene momento in cui dobbiamo restare in disparte senza interferire. E questo chiedono i figli ! A quel punto, basterà ammettere che - ciò che offriamo ai figli - l'abbiamo a nostra volta, già ricevuto dai nostri genitori, parlo in generale, ovviamente. Ma ho sentito affermare "Però, quando hanno bisogno d'aiuto vengono da noi!" E dove dovrebbero andare? Non è bello, rimanere disponibili, contribuendo alla loro serenità ? Dobbiamo soltanto ricordare come eravamo. Loro, come noi, vogliono volare...vogliono librarsi da soli per cercare altri lidi, altri compagni e se sapremo sorridere guardando il loro volo, ci riserveranno un angolo privilegiato dei loro cuori, per sempre. Di questo, ritengo di poter essere certa, ma quando è il momento…lasciamoli volare ! (r.m.)
-------------------------------

domenica 17 settembre 2017

E' suonata la campanella !





  • block notes di renata mucci
    Giornale di Brescia - domenica 17 settembre 2017
    ------------------------------------------------------------------
    E' suonata la campanella !

    Per molti bambini è questo il timido approccio che precede l’immersione in un mondo nuovo che intimidisce e insieme affascina. La manina del piccolo scolaro ha lasciato di malavoglia la stretta rassicurante della mano dell’adulto, inconsciamente attratto dalla nuova atmosfera pronta ad accoglierlo. 
    Di lato, scolari e studenti già esperti, affrontano spavaldamente quella che è, per loro, la prosecuzione di un evento conosciuto. E, mentre nelle famiglie si insinua, in questi giorni un’atmosfera collaborativa e disponibile, gli adulti di casa partecipano affettuosamente. 
    Emozioni, speranze e anche preoccupazioni e quando in famiglia ci sono percorsi diversi, il “da fare” complica le giornate. Una mia nipote ha quattro figli che affrontano i diversi approcci, la più grande è già alle superiori, i due intermedi frequentano “le medie” e il piccolo Luca affronta per la prima volta il mondo della scuola. E un po’di comprensibile tensione aleggia costante, in un’atmosfera involontariamente agitata tra preparativi ed emozioni. 
    Però che bello ! Io, bisnonna sentimentalmente coinvolta, partecipo con sentimenti gioiosi e a tutti indistintamente, scolari e studenti auguro di provare interesse e di applicarsi con piacere in questa attività altamente utile e formativa. Ne uscirete diversi, più maturi e consapevoli specie se vorrete dare il meglio di voi in una impresa che merita i sacrifici che impone, ma gratifica ampiamente.
    Ragazzi, amate la scuola che – con i maestri e i professori, nella loro veste di insegnanti ed educatori – vi arricchisce di un patrimonio inestimabile : la conoscenza !

    Auguri ragazzi, per un sereno inizio e una proficua continuazione.


  • venerdì 15 settembre 2017

    Senza titolo.

    1. --------------------------------------
    2. Brrrr! E' proprio freschino questo nuovo giorno e - come spesso accade - il cambiamento è stato repentino. Ma questo non è un lamento, ma una semplice constatazione..
      Modifichiamo l'abbiglliamento e prepariamoci a godere di questa diversa temperatura che ci fa dimenticare il gran caldo davvero debilitante.
      Più freschi e pimpanti, accogliamo questo giovane venerdì !
    3. .
    4. Buen dia amigos !
    5. -------------------------------------

    martedì 12 settembre 2017

    Benvenuto autunno.

    Brescia si è svegliata sotto un bel temporale che ha ulteriormente rinfrescato l'aria. L'estate è davvero alla nostre spalle, le serate giungono presto e il richiamo alla casa e all'ntimità in famiglia si fa strada con tutta la sua dolcezza.. Tiriamo fuori golfini e giacche e prepariamoci a vivere la nuova atmosfera, anche le stagioni che cambiano hanno il loro fascino.. Buena vida raga'

    domenica 10 settembre 2017

    Il dolore e la rabbia.

    <>--------------------------------- block notes di renata mucci Giornale di Brescia domenica 10 settembre 2017 ---------------------------------------------- --------------------------------------- Vorrei vedere in piazza l’indignazione delle donne anche a proposito di stupri, mentr mi chiedo il perché di tanto dolore silenzioso che sa di sottomissione. Vorrei in Piazza tutte le associazioni femminili e tutte le donne singolarmente con largo spazio di accoglienza per gli uomini che volessero unirsi nel dissenso. Anche gli uomini onesti i padri i nonni dovrebbero mobilitarsi in auto alle ragazze, alle donne in generale. Ma non ho visto niente del genere, nemmeno dopo i recenti fatti disgustosi di Rimini. Donne, non rinunciate a difendervi nei modi che avete a disposizione, tra i quali emerge la Piazza. Non permettiamo che le donne vengano continuamente violentate e uccise. Ribelliamoci e chiediamo alla giustizia interventi seri, severi e drastici che mettano paura ai vigliacchi e ai criminali. Questo silenzio mi fa paura e mi parla di una vergognosa rassegnazione del tutto intollerabile. Svegliatevi donne, combattete questa battaglia a difesa dei vostri sacrosanti diritti di libertà. Tutte insieme mostriamo la nostra rabbia e restiamo tenacemente unite. Io, nonna sono pronta a scendere in piazza, con le mie stampelle, con il mio orgoglio ferito. Questi individui devono aver paura del loro agire. Questi maschi violenti devo sentire sulla loro pelle i brividi della paura, devono temere la legge dello Stato e anche quella delle donne e temere una moltitudine non più disposta a soffrire in silenzio e a piangere nell’ombra. So che sentiamo tutte, nella mente, nell'anima e nella bocca il sapore acre di un disprezzo che deve diventare ribellione e sdegno. L’indignazione deve farsi arma e garanzia di difesa.Tutte insieme, appassionatamente. --------------------------------------------

    domenica 3 settembre 2017

    Nostalgia dei canti della vendemmia.

    -----------------------------------

    Bloc notes di  renata mucci -
    Giornale di Brescia  domenica 3 settmbre 2017
    ------------------------------
    -
    Eccolo qui il promettente settembre che – ancora caldo del sole d’agosto – dolcemente ci traghetta verso l’autunno. E con i suoi turgidi grappoli nei filari dei vigneti, il mese vendemmiatore, mite e gioioso, è pronto a mantenere tutte le sue promesse.
    E. oggi che la vendemmia impiega operai stagionali tutelati – com’è giusto - da norme previdenziali, oggi mi chiedo se si sentono ancora i canti e le risate che hanno connotato per anni le vendemmie che io ben ricordo. Erano i tempi in cui tutti davano volentieri una mano scambievolmente di buona lena.
    E mentre uomini, donne e ragazzi si davano da fare nei vigneti, c’era chi sull’aia e nel cortile si apprestava a rifocillare i lavoratori che rientravano ovviamente affamati, con le ceste piene di bei grappoli ammassati alla rinfusa. Nelle famiglie contadine si preparava la polenta sulla quale si adagiavano le uova al burro cotte nella vasta teglia col buon burro salato e profumato. Due uova per ognuno e poi pane e salame, formaggella, acqua freschissima e qualche fiasco di vino e ancora canti e risate.
    Me lo ricordo il carro che i i buoi trascinavano carico di ceste piene d’uva ed era festa genuina e gioiosa. Per i bambini – che erano sempre tanti in cascina – era una vittoria salire su quel carro che rientrava trionfante col suo prezioso carico. Tutti erano accaldati e felici e si rinfrescavano alla pompa dell'acqua che c'era in cortile e poi mangiavano di gusto e allegramente.
    E non mancavani frizzi e allegre allusioni. Quanti anni sono passati ? Sessanta, settanta ? Preistoria quasi, ma com'è bello rivivere quelle semplici, preziose giornate che ancora ricordo con dolcissima nostalgia. renata mucci - Brescia
    --------------------------------------------

    martedì 29 agosto 2017

    Ultimo martedì di agosto

    .......
    Sveglia a pimpante affronto il nuovo giorno, con tanta voglia di fare. 
    Non so cosa, ma qualcosa di sicuro io farò ! IO VIVRO' !
    Vi voglio tutti con me anche in quiasto sereno giorno ! Buen dia raga' !
    ...........................

    giovedì 24 agosto 2017

    Lo Stato siamo noi !

    -----------------
    La società che severamente giudichiamo, siamo noi, cara la mia gente ! Ognuno dovrebbe sentire il peso di questa imprescindibile responsabilità.
    Ripeto spesso che siamo tutti gocce di uno stesso mare e lo riconfermo. Dovremmo proporci orgogliosamente come membri, appunto di questa società. Comportamenti esemplari dovrebbero essere abituali e costanti.
    Soffermiamo su ciò il nostro riflettere e certamente avremo la società che sognano.

    Proviamoci, almeno.
    ----------------------------

    domenica 20 agosto 2017

    Buonweek end

    ----------------------------
    Il week end dovrebbe servire a ricaricare il corpo e la mente. Cambiare attività, dedicarsi ad un hobby, camminare. Tutto serve a rigenerare le energie.

    Approfittate, amici carissimmi di questa opportunità e non sciupatene nemmeno una briciola. Io vi penso con l'affetto di sempre.

    muccina
    -------------------------------

    venerdì 18 agosto 2017

    WEEK END !

    ---------------------------
    Ussignur ! Avevo ultimato un pensiero che è improvvisamente sparito !
    RIFO !
    Dicevo che sta per concludersi la settimana clou del periodo feriale e io - che amo la conrmalità - ne sono felice.
    Per chi è rimasto isolato in città, non è stato confortevole guardare le saracinesche abbassate dei negozi e della quasi totalità dei ristoranti e pizzerie. Ma da lunedì la routine ridarà vita e vivacità alle città.
    Ai vacanzieri e a chi è rimasto - per quanto è possibile considerati gli ultimi tragici eventi di Barcellona- auguro un sereno week end.

    ----------------------------------

    giovedì 17 agosto 2017

    Pensiero del giorno.

    ------------------------------
    Succede spesso che il mio pensiero vada vagando nelle corsie di un Ospedale qualsiasi e sosti consolatorio vicino a qualche degente. E capita spesso nei giorni in qui la collettività festeggia. E porgo auguri. Non dimenticare chi soffre, mi sembra giusto e doveroso e ci aiuta a dimenticare i quotidiani piccoli acciacchi.

    Buona salute bella gente !.
    ---------------------------------

    martedì 15 agosto 2017

    Martedì 15/8/2017

    ----
    Niente ! nessun pensiero particolare o prioritario. Mi sto godendo questa mia città, insolitamente silenziosa che si avvia a festeffiare questo ferragosto, fortunatamente normale.

    E vi penso. Penso a chi è in vacanza e sorrido, penso a chi è rimasto a casa e sorrido. 
    C'è un sorriso per tutti e, per tutti, il mio affettuosissimo "BUON FERRAGOSTO !"

    muccina
    ------------------------

    lunedì 14 agosto 2017

    Ferragosto.

    --------------------------

    E chi rimane in città c'è il piacere di trovare liberi parcheggi ovunque e un po' di ansia nella speranza che non si blocchi l'ascensore e che non venga un mal di denti.


    In città dicevo, saracinesche abbassate e qualche raro pedone. L'esodo è quasi totale crisi o non crisi la città ha un aspetto divertso e quieto.

    Ma io tengo "aperto per ferie" questo mio spazio disponibile e pieno di affetto.

    Buena semana amigos
    ----------------------------

    domenica 13 agosto 2017

    La pensione dopo il lavoro.

    Giornale di Brescia 13 agosto 2017
    Lettere al Direttore

    -----------------------------------

    Stamattina ho faticato davvero a lasciare i mie sogni ! Ero tornata alla mia attività lavorativa che ho svolto con entusiasmo per più di quarant’anni. Responsabile di un’Associazione di produttori e commercianti vinicoli curavo l’aggiornamento legislativo, il settore sindacale e i rapporti con l’ INPS, e l’INAIL.

    Ho conosciuto i giovani, entusiasti imprenditori, e le due generazioni successive e so di aver partecipato con passione. Ho lasciato, a 65 anni ma, nel sogno, mi sono ritrovata là, alla mia scrivania, alle prese con il neonato fax, elemento di nuova generazione e l’attività che amavo. 

    Giovane, attiva e circondata dalla stima dei miei associati, mi muovevo, ancora disinvoltamente. Poi ho sorriso a questo bel risveglio ancora partecipe, Ho sorriso alla mia vita piena, intensa, appagante. In piedi signora Renata (come mi chiamavano al tempo) In piedi ! E’ bello guardare indietro con gioia e guardare avanti….serenamente. E’ bello rivedere le rose e accorgersi di aver dimenticato le spine. E’ bello, anche, raccontarlo a voi, mentre scorre l' impegnativa attività del vivere.
    -----------------------------------------

    venerdì 11 agosto 2017

    Grande Trilussa.

    ------------------------------------------ 
     Quanno me godo dalla loggia mia
    quele sere d'agosto tanto belle
    ch'er celo troppo carico de stelle
    se pija er lusso de buttalle via,
    ad ognuna che casca penso spesso
    a le speranze che se porta appresso.


    Trilussa

    ------------------------------------------

    giovedì 10 agosto 2017

    Imparare a volersi bene .

    ----------------------------------
    Tra gli amici di tastiera, davvero numerosi, so di avere alcuni amici reali che consoco come se avessi avuto un contatto fisico reale.
    Saranno una decina e sono persone che hanno il mio affetto incondizionato. Amicizie nate qui, in questo spazio a confermare che spesso si ignora tutto di persone che si conoscono fisicamente, mentre si instaurano intensi sentimenti, piano, piano, proprio anche in internet.

    E ne sono fefice !
    -----------------------------------

    martedì 8 agosto 2017

    L'autonomia fisica.

    --------------------------

    Chi gode di totale autonomia fisica, ringrazi il cielo a mani giuta, intensamente.
    Ciò che per alcuni è naturale, per altri rappresenta il miracolo..
    Buena vida ragazzi !

    --------------------------

    lunedì 7 agosto 2017

    Il bullo.

    ----------------------------
    Il bullo è un emerito cretino che si costringe e dimostrare continuamente ciò che crede di valere.

    E' uno spregevole vigliacco che se la fa sempre con i deboli.
    Non si espone mai in un contesto alla pari. In conclusione è un poveraccio.
    -----------------------------

    venerdì 4 agosto 2017

    Disabilità e urbanistica

    ----------------------------
    Giornale di Grescia 4 agoso. 2017

    la provocazione
    Il Sindaco provi a muoversi su una sedia a rotelle.

    Se volesse essere efficiente su questo tema, il sindaco dovrebbe sedersi su una sedia a rotelle o anche usare un comune deambulatore e si renderebbe subito conto di quali e quanti ostacoli incontra chi è disabile, anche non grave. Crepe, dislivelli e mancanza di assestamento mettono in crisi il pedone e costituiscono un pericolo a volte grave.
    Mancano gli scivoli che dovrebbero esserci dove il marciapiede presenta invece un gradino che ostacola il transito di chi è già a disagio. Chi guida un passeggino o anche un anziano che si aggrappa ad un deambulatore trova ostacoli ovunque. In una società che invecchia viene sempre più penalizzato chi ha un qualsiasi handicap motorio.
    Gli scivoli dovrebbero essere previsti in maniera continuativa per favorire il transito di chi è costretto a usare un qualsiasi supporto meccanico. Invece... qui c’è uno scivolo e là manca, e non è giusto! Ma anche senza la prova materiale è facile rendersi conto dei disagi che incombono su chi merita particolare attenzione. Agli addetti all’urbanistica e ai funzionari del Comune chiediamo a breve la soluzione di un problema che coinvolge un gran numero di onesti cittadini.

    lunedì 31 luglio 2017

    Buon lunedì.


    ---------------------------------------
    Tutto nella norma. WOW !

    Ketti gioca e zampetta felice, "i miei" stanno bene, il sole splende alto nel cielo, gli amici mi leggono e - se sorridono - non si può volere di più.


    A tutti nel mondo FELIZ DIA !
    ------------------------------------------

    domenica 30 luglio 2017

    Agli allevamenti intensivi diciamo " NO "


    Giornale di Brescia 30 luglio 2017 - lettere
    -----------------------------------------
      Non so se questo mio appello troverà ospitalità tra le lettere al Direttore, ma lo spero, lo spero tanto ! 

    Io resto angosciata e basita ogni volta che penso agli animali che l’Homo sfrutta massicciamente e senza pietà. Tanto per fare un esempio parlerò delle mucche che vengono ingravidate, private del loro cucciolo ( che sarà ucciso per farci gustare la sua carne tenera  e per permetterci di  usare il suo latte per altri scopi nutrizionali). Poi suaranno di nuovo ingravidate e il macabro rito si ripeterà fino a quando la mucca terminerà, esasta, la sua misera vita. 

      Rabbrividisco al pensiero che questo sfruttamento avviene a seguito della vasta richiesta di carne di vitello  che, per pietà, dovrebbe essere limitata al massimo. 

      Ma noi non veniamo informati e questo iter si ripete all’infinito. Sarebbe giusto invece, orientare le nostre scelte in modo diverso a tutela proprio della vita di questi poveri animali. E questo è soltanto un esempio, ovviamente. Poi possiamo spostare l’attenzione sugli allevamenti intensivi che sono strumenti di tortura per la NON vita di povere bestie che non possono difendersi. Vogliamo provare noi ad aiutarle consumando meno carne ? 


    Proviamoci almeno ! renata mucci- Brescia
    ----------------------------------------------------

    venerdì 28 luglio 2017

    Amore e dintorni.

    ----------------------------
    "Come stai ? Hai dormito ? " " Cos'hai mangiato ?"
     Così si allevia la soiitudine dei nostri anziani. Soprattutto cos!ì  

    Ma, se potete, abbracciateli.
    -----------------------------

    giovedì 27 luglio 2017

    A M A R C O R D !

    ----------------------------------------
    Ieri, ho guardato a lungo Marta, la mia quindicenne pro/nipote che in pochi mesi ha trasformato l'adolescente che era in una affascinante proromessa di femminilità. Ed è già nell'aspetto, la splendida donna che sarà.. Sfacciatamente bella e radiosa ha stimolato i miei pensieri che sono riandati alla rima "Quantè bella giovinezza che sen fugge tuttavia......"
    Incoscente e spensierata, felice e convinta di essere invulnerabile guarda la vita quasi sfidandola. 


    Che bella età gente mia, che bella stagione dellla vita !Amarcord !
    ---------------------------------------

    mercoledì 26 luglio 2017

    Avanti tutta !

    ----------------------------

    Meglio inoltrarsi in una strada incerta, che rimanere fermi al bivio.
    Buen dia amigos.
    -------------------------------------

    martedì 25 luglio 2017

    Le news

    ---------------------------------------

    Inizio oggi la magnetoterapia. Chi dice bene, chi dice male, piano, piano si vedrà. Con fiducia, anche perchè io penso che se non fai niente, certamente non avrai niente, ma se fai qualcosa puoi almeno sperare. E io spero

    Dovrebbe alleviare il dolore, e io spero tanto che così sia.Il risultato sarà comunque a lungo termine (un mese almeno).Non è una grande notizia, ma è sempre un modo per restare in contatto e per me, sentirvi con me è già terapia. 

    Grazie amici e buon pomeriggio..
    ---------------------------------------

    lunedì 24 luglio 2017

    Bla, bla, bla !

    -----------------------------

    Capita anche di non avere particolari pulsioni.
    Capita di sentirsi serenamente vuoti di idee.
    E capita di sentirsi sollevati da una dolce certezza che porta a contare sulla comprensione degli amici e di chi ci vuol bene e continuerà a volercene.


    Consola però un vecchio adagio che recita : " Siano benedetti coloro che - non avendo niente da dire - non dicono proprio niente " 

    Buen dia, amigos !
    ----------------------------------

    sabato 22 luglio 2017

    La femminilità !

    ----------------------------------
    2014 - replay

    Un'amica mi chiede : Quando si quieta la femminilità ? "
    "Mai tesoro ! Si finge, ci si adatta, ci sforziamo di accettare gli insulti della vita che scorre,e continuiamo a mentire.

    Ma la femminilità muore soltanto connoi e, - fino alla fine - rimaniamo come eravamo, assetate d'amore .

    muccina
    --------------------------------


    venerdì 21 luglio 2017

    Le sere troppo piene di stelle.

    ------------------------

    Le serate estive che ancora ricordo erano sempre magiche, coinvolgenti, lunghe e suggestive, comunque venissero trascorse

    Poi, rare, c'erano le serate speciali e non soltanto quelle di coppia.Ricordo le splendide serate di "Teatro il villa" con belle commedie in contesti speciali, privati e molto accoglienti. Indimenticate.

    Ma a volte, a creare un'atmosfera spensierata e speciale basta l'anguria gustata al fresco o un gelato in compagnia.

    Sono sempre speciali le serate estive !
    ------------------------------

    Cantiamo e ridiamo di cuore !

    -----------------------------

    In qualsiasi stagione della vita, quale che si l'età anagrafica è opportuno, bello e doveroso, liberare ogni tanto il bimbo che c'è in noi. Abbandonare la composta seriosità, cantare e lasciare spazio allo stupore, all'entusiasmo, alla semplicità. Ridere per niente, fare un girotondo e soprattutto stupirsi osservando le cose note. Il sole, la natura, la bellezza ovunque essa sia.è un ottimo esercizio per la mente e per l'anima.

    Feliz dia, amigos !
    ------------------------------

    giovedì 20 luglio 2017

    Chi dorme e chi veglia.

    Giornale di Brescia - 20 luglio 2017
    --------------------------------------
    L’altra notte mi sono svegliata mentre gli addetti erano intenti alla pulizia delle strade e il mio pensiero li ha seguiti a lungo. Poi, verso l’alba, ho notato le lucine intermittenti di un veicolo in sosta, impegnato a vuotare i cassonetti. Erano quasi le sette e impulsivamente ho aperto la finestra e - agitando la mano in segno di saluto - ho gridato " Buon lavoro ragazzi !". 

    "Grazie ! " fu la sorridente, stupita risposta. E io, ho continuato a sorridere, rassicurata dal lavoro di chi silenziosamente contribuisce al nostro benessere. E ce n’è tanta ! Ma mi limito a ricordare gli infermieri che fanno i turni di notte negli Ospedali o dovunque serve assistenza e, anche a loro – alla fine dei loro turni di lavoro – vorrei dire ad alta voce : “grazie !”

    E’ vero che sono retribuiti e fanno semplicemente il loro dovere, ma un grazie, gratifica e certamente non è mai sprecato. Se pensate che questa  vecchia amica sia un po' pazza, vi dirò che vorrei pieno il mondo di pazzi come me che amano, l’allegria, e la serena comunicazione tra la gente.  renata mucci - Brescia
    ----------------------------------------

    lunedì 17 luglio 2017

    I binarii

    ---------------------------
    10 luglio 2014 replay
     ·
    Credo nell'efficacia dei binari. 
    E' bene contenere anche la generosaità 
    ricordando che, essere generosi è facile, 
    ma è meglio e più difficile essere giusti.
    ------------------------------------------------

    domenica 16 luglio 2017

    Filastrocca festiva.

    ---------------------------------

    Buona domenica a grandi e piccini
    che con affetto si stringan vicini
    per uno scambio di vero amore
    che scaldi il giorno ed anche il cuore.


    Buona domenica amici miei cari
    facciam che i sorrisi non siano rari
    Posiam lo sguardo con benevolenza
    su tutto e su titti con compiacenza


    Apriamo i cuori, apriamo le braccia
    dell'egoismo cancelliamo ogni traccia
    questa domenica sia giorno di gioia
    lontana dai guai, senz'ombra di noia !

    ---------------------------------------------

    sabato 15 luglio 2017

    -------------------------
     Ancora il mio pro nipote Riccardino :
     

    "Nonna bis, mi racconti ancora la favola di Biancanani e i sette nevi ?"
    " Biancaneve e i sette nani tesoro !" rispono ridendo.

    -------------------------

    venerdì 14 luglio 2017

    Piove !

    --------------- ·
    Una sommessa pioggerella sta a connotare questa mattinata. Accolta con gioia dal terreno riarso e bruciato dal sole dei giorni scorsi. Sei la benvenuta pioggia gentile che ristori il terreno e pulisci un po' l'aria.
    La moka borbotta e festeggia con me. Vado a gustare i mio nero caffè pensandovi, cari amici e, facciamo che sia un buon giorno. WOW !
    --------------------------------

    giovedì 13 luglio 2017

    Tutto passa, tutto ci lascia e tutto si rimpiazza.

    ------
    Tutto passa e inesorabilmente ci lascia. Sia il male che il bene quindi, vale lasciar che il male passi e godere il bene, attimo dopo attino. 


    CAPITTOMIHAI ?
    --------------------------------

    martedì 11 luglio 2017

    I comportamenti cambiano. NON sempre in meglio !

    ---------------------------------
    -- La paghetta settimanale ai figli rientra ormai tra gli obblighi genitoriali e, mentre ne parlavamo recentemente, mi é tornato in mente - per contrasto - un episodio che mi riguarda.

    Mia madre era stata informata dalla mia insegnante di italiano in ordine al mio profitto scolastico. Alla fine del colloquio, vedendo il suo sorriso soddisfatto azzardai : " Allora?" “
    "Allora, sono contenta che non abbiamo buttato soldi dalla finestra. “ lunga pausa e poi “Madre Savoldi mi ha detto che fai il tuo dovere, e che hai anche una bella parlantina.”


    Sperando in un premio dissi: “Allora ?” “ Alura, ades che te ghet emparat be ‘ a parla’, te garet de empara’ bé….a fa sito !” Che, nel nostro rude, incisivo dialetto significa : “Allora, adesso che hai imparato bene a parlare, dovrai imparare altrettanto bene….a tacere.”

    Davvero una bella differenza !
    --------------------------------------

    lunedì 10 luglio 2017

    Ti ho cercato.


    Da "La gazza Ladra" di renata mucci

    Ti ho cercato

    - ti ho cercato là dove una mano sacrilega uccideva un padre.
    - ti ho cercato dove un bimbo indifeso subiva attenzioni, sporche, spregevoli;
    - ti ho cercato accanto ad un uomo senza braccia che pur nella pienezza della maturità esibiva la sua menomazione mendicando
    - ti ho cercato sgomenta nel reparto oncologico infantile dove bimbi incolpevolmente sofferenti eludono, con l'ingenuità dello sguardo fiducioso la loro tragedia personale.
    E mi sono chiesta : Ma dove si posa il tuo sguardo? Dove? Vedi quello che vedo io? Vedi che a quel paradiso che ci è stato dato in sorte, vengono indirizzate ignobili e meschine finalità? Dove sta andando questa umanità composta da eroi, criminali, santi, intrallazzatori, geni, imbecilli, individui mediocri e persone eccezionali?
    Quando la ribellione stava per cedere il posto alla sfiducia mi è parso udirti sussurrare: " Ti ho dato il libero arbitrio".
    Ho creduto di capire e ho continuato a cercare.

    Poi, inaspettatamente ...
    - ti ho intravisto sull'ambulanza che mi trasportava nell'emergenza ed eri negli occhi amorevoli di una sconosciuta che mi regalava conforto;
    - ti ho percepito nella mano che stringendo la mia, mi richiamava alla realtà.
    - ti ho trovato nel sorriso di un ragazzo che, in una casa di riposo, regalava gioiosamente il suo tempo a un’ anziana signora.
    - ti ho visto a fianco dei City Angels che aggirandosi nella notte soccorrono i miseri e disadattati.
    - ti ho incontrato nella generosità di chi si prodiga senza compenso nell'emergenza e nella quotidianità.
    - ti ho rivisto negli occhi di madri coraggiose.
    - ti ho riconosciuto nella disponibilità di un amico, nella dedizione di unsegnante, in chi lavora con onestà, in chi si sforza di praticare quotidianamente la tolleranza.
    -
    Dio! Tu sai che la natura umana è debole. E' facile dimenticare che il sole sorge ogni giorno anche per noi; è comodo investire altri di responsabilità che ci competono; è confortevole costruire un guscio in cui ripararci.

    Ma finalmente ho imparato. Cercherò quindi di spaziare con lo sguardo senza mai dimenticare che dare spazio alla speranza e risollevarsi dopo essere finiti in ginocchio è possibile. Attiverò le inesauribili risorse di cui disponiamo e .......continuerò a cercarti là dove so di trovarti.
    ------------------------------------------------


    Si, possiamo !

    ----------------------------------------

    La parola conclusiva di una dietologa giapponese..


    " MANGIA SEMPLE, UNA FOLCHETTATA MENO ! "

    N.B. la elle in luogo della erre è consapevole.
    Proviamo, dai !
    -------------------------------------------

    domenica 9 luglio 2017

    A settembre, con gioia !

    ---------------------------
    block notes di renata mucci
    Giornale di Brescia 9 luglio 2017
    ------------------------------------
    N.B. L'interruzione, riguarda soltanto il block notes domenicale sul Giornale di Brescia
    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 
    Cari amici, questo mio è un arrivederci. Stacco la spina e chiudo per ferie. Sospendo oggi 9 luglio e riprenderò domenica 3 settembre. Spero che questo sia per voi tutti un periodo sereno e rilassante, sia che restiate o che vi concediate un viaggio, un cambiamento. E’ talmente tutto bello il mondo che c’è soltanto l’imbarazzo della scelta, pronta a cullare i vostri desideri, le vostre prefeenze. Freschi boschi, montagne verdi o laghi azzurri, mari sconfinati e colline in rfiore o anche un totale relax in città. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche. 

    Io amo la mia città in agosto, quando  i parcheggi si rendono disponibili, i pedoni sono più rilassati e i tavolini dei Ber sembra si rianimino. Mi piacciono i banchetti dove ci si può sedere per gustare la fresca, dolce anguria e dove i sorrisi sono spontanei. Mi capiterà di vedere papà e mamma in bicicletta mentre tengono d’occhio i due picinì sulle loro biciclettine. E mi godrò lo spettacolo. 

    Non aspetto le simpatiche cartoline con i “Saludi da…..” perché oggi sono i messaggini col cellulare a fare la differenza. Però le rimpiango un po’ le cartoline che occhieggiavano dalla cassetta delle lettere, ma mi adeguo e accolgo con gioia qualsiasi forma di contatto. 

    Io lascio per un breve periodo l’impegno settimanale col pensiero già rivolto al 3 settembre, giorno della ripresa. Spero che le mie “quater ciacere” vi manchino un po’ e che vi prepariate ad accogliere a settembre l’abituale domenicale appuntamento. 

    Vi saluto, ma non vi lascio! Approfitterò di questa pausa per riordinare i pensieri e cercare nuovi spunti per un rientro che si gradevole. Il tempo vola, cari amici ! A settembre, con gioia !
    ----------------------------------

    sabato 8 luglio 2017

    Lettera ad un padre.

    ------------------------------


    ROMA - 
     
    Caro papà, me dispiace morto dovette dìche me ne so’ annata cor mio novo ragazzo. Ho trovato er vero amore e lui, dovresti vedello, è così gajardo co’ ttutti i suoi tatuaggi, er piercing e quaa grossa moto così veloce.
    Ma nun è tutto papà : finalmente sò incinta.
    Abdul dice che staremo benissimo nella sua roulotte in mezzo ai boschi. Lui vole avè tanti bambini e questo è anche er sogno mio.
    E dato che ho scoperto che 'a marijuana nun fa mmale, noi 'a coltiveremo anche pii nostri amici, pe quanno nun avranno più 'a cocaina e l’ecstasy de cui hanno tanto bisogno.
    Ner frattempo, spero che 'a scienza trovi na cura pe ll’AIDS, così Abdul potrà stà un po’ mejo: è così bono e so merita!
    Papà, nun preoccupatte, ho già 15 anni, so badà a me stessa.
    Inortre Abdul, forte dei suoi 44 anni, me seguee, me consija ar meio nee scerte, come quella de convertimme all’islam.
    Spero de venì a trovatte presto, così potrai conosce i tuoi nipotini.” 'A tua adorata bambina

    PS: Tutte cazzate a papà !!! Sto dai vicini. Volevo solo ditte che nella vita ce so cose peggiori daa pagella che t’ho lasciato sur commodino !!!