mercoledì 3 settembre 2008

Il pensiero del giorno.

---------------------------------------------------
"Perdona i tuoi nemici, ma...non dimenticare i loro nomi”
J.Kennedy

18 commenti:

alianorah ha detto...

Una frase efficace nella sua sintesi. Il male ricevuto si può perdonare, ma dimenticare è molto più difficile e senz'altro pericoloso.

zahxara ha detto...

Un buen dia para ti, mi querida amiga.
Non sò se, con pazienza e molto lavoro, collocare il male ricevuto in un angolo del tuo cuore dove non vai molto spesso significhi perdonare, ma so per certo che quando ti capita di "guardare" in quella direzione o solo ci passi vicino fà proprio tanto...... male!!! E questo ti impedisce di dimenticare.
Un fuerte fuerte abrazo.......

Renata ha detto...

ALIANORAH - Mi piaci ! Cogli sempre l'essenza del pensiero ed è vero : dimenticare indica superficialità e toglie efficacia....anche la perdono. Grazie.
-----------------------------------ZAHXARA -.como estas tu mi hermosa amiga ? yo me alejé de tu lado yo tambien tengo mi queridisima amiga Manolita en mi pensamiento.

Gracias por el commento, molto realistico. Le parole servono fino ad un certo punto.

Ci sono cicatrici che non si rimarginano più. Per me è stato così.

Aliza ha detto...

Cara Renata, vedi alle volte come è strana la vita. Anni fà con mio marito siamo stati invitati a cena da un suo collega. La padrona di casa dopo cena, si è messa a civettare con MIO MARITO!! in maniera plateale. Io non sono stata capace di reagire e anche mio marito molto in imbarazzo ha tagliato corto e dopo un pò ce ne siamo andati. Io l'ho segnata sul mio libro dei nemici. Dopo qualche anno sia noi che lei, abbiamo cambiato casa e finiamo in due villette vicine. Io per i primi tempi ho mantenuto una freddezza totale, poi i fatti della vita, lei si è ammalata di cancro io sapevo che era sola, mi sono offerta di aiutarla, accompagnarla all'ospedale ecc. è nata veramente una grande amicizia, sono stata presente anche alla sua morte. Conoscendola ho capito che non era una nemica ma una donna in difficoltà, il tuo post di oggi mi ha risvegliato tanti ricordi. Baci A.

scricciolo ha detto...

eccomi di nuovo a svolazzare nel tuo blog, come sempre con estremo piacere. Bentrovata!!

ladyoscar ha detto...

Perdonare si può, costa tanto ma si può, dimenticare no mai, se così fosse il nostro bagaglio di esperienze andrebbe perso in parte.
E ognuno di noi è forgiato da queste ,belle o brutte che siano.
Grazie renata perchè ci dai sempre un appiglio per guardarci dentro.
Ladyoscar

Anonimo ha detto...

Buon Giorno Cara Renata !

Sono fortunato !
Non ho MAI avuto nemici, credo e spero, pertanto non posso ricordare i nomi di qualcuno che mi abbia fatto del male.
Cari saluti.
Mario

Nicola ha detto...

Ciao Renata,è solo un saluto...

Renata ha detto...

Ciao ALIZA. I ricordi, belli o brutti che siano fanno sempre parte del nostro patrimonio. Sono un bene prezioso.un bacio.
--------------------------------
Ciao SCRICCIOLO, sei sempre la benvenuta in questo cielo aperto !--------------------------------
LADY OSCAR. dici bene Noi siamo, anche, ciò che siamo stati (nel bene e nel male). A presto.
-------------------------------
Ciao Mario, Sono contenta per te.Io, come tanti, ho incontrato anche qualche persona ostile. Fa parte del persorso, io credo. Grazie per essere passato. Cordialissimi saluti.
---------------------------------
NICOLA, un saluto è più che sufficiente. E molto gradito. Ricambio.
----------------------------------

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Perdonare.... quando tutto forse è finito e bene magari allora forse sì....

Renata ha detto...

Daniele - Forse sei passato di corsa, ma non è in discussione il perdono.

Quello va bene.
Dimenticare è il problema. Un caro saluto.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Per uno come me, che non riesce a tenere il muso nemmeno se gli tiri una dadilata in testa, questa frase è azzeccata. Mi chiedo solo se nella società in cui mi ritrovo a vivere, tutto questo sia un bene.
Un caro saluto.

Renata ha detto...

SCHIAVI O LIBERi - Ciao Marco, il tuo atteggiamento ti preserva dal rancore che rovina la vita.

E in fondo, persone meschine che fanno del male....non meritano la tua sofferenza.

Io non covo rancori, ma - ovviamente - non dimentico.

Ti auguro una buona nanna dopo una buona serata.affettuosamente.

Anonimo ha detto...

A proposito del perdono, mi chiedo, perchè, nella società di oggi,dopo qualche terribile fatto di sangue...immediatamente venga chiesto ai parenti delle vittima "se perdonano"...
Questo atteggiamento mi lascia senza parole..e con tanta rabbia dentro..
..cara renata..buona serata..
Arianna

Renata ha detto...

ARIANNA - rabbia condivisa.

E se parliamo di interviste...ce ne sono di esiliranti.
Buona serata.

GlitterVictim ha detto...

In generale perdonare senza dimenticare è una cosa che secondo me non funziona: io perdono ma non dimentico, ciò mi hanno detto che equivale a non perdonare.

Ho capito, ma come faccio a cancellare volontariamente dalla memoria qualcosa che è successo?
Mi viene in mente solo l'elettroshock ma non mi sembra il caso!

Renata ha detto...

Glittervictim -
Anche il dolore insegna.
Quindi, in definitiva, perchè dimenticare un insegnamento.

Chi ti ha detto che ricordare equivale a non perdonare si riferiva forse al "modo di ricordare".

Se il ricordo condiziona il presente, allora si è grave.

Ma se il ricordo significa "non dimenticare", per me va bene. Mi sono intorcinata ? Fammi sapere se il messaggio arriva. Bacio. Renata

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Si ma se non dimentichi non riesci a perdonare.

Credo che esista una situazionei intermedia

Esiste il perdono per cui forse metti dietro le spalle l'accaduto.

Esiste il perdono parziale (ossia cmq non dimentichi quanto successo quindi potenzialmente esisterà sempre una situazione di tensione)

Ed il ricordare senza dolore ma senza aver perdonato: è il caso in cui non hai più rapporti con quella persona, l'hai tolta dalla tua vita,ma la rabbia è passata, resta il ricordo del male fatto ma senza provare più disagio; non succede perchè hai una vita nuova nella quale non vorresti cmq più quell'altra persona dal passato.