domenica 24 maggio 2009

Cari (;-) Parlamentari.

LA STAMPA - lettere - 26 maggio 2009
Bresciaoggi- lettere - 29 maggio 2009
-----------------------------------------------------


Ridurre il numero dei Parlamentari. Se ne parla e se ne sparla da un po’, ma...tutto si colloca nell’eterno inconcludente bla, bla, bla ! E l’alto numero dei parlamentari non è che una goccia nel mare dell’immoralità del nostro Paese classificato IN CRISI !. Avete visto quante sedie vuote ci sono nelle sedute del Parlamento? Allora, questi funzionari dello Stato, quando non funzionano, ci rimettono qualcosa ? Oppure il loro reddito non subisce variazioni? Le famose auto blu, sono in numero decente? I segretari, i porta borse e tutta la varia umanità che si aggira nella sfera d’azione degli alti papaveri, sono proprio tutti indispensabili?
Cari Parlamentari, vi siete dimenticati che toccherebbe proprio a voi essere d’esempio alla nazione ? Ve lo ricordate il significato della parola “probiviri? Definiva persone dal comportamento adamantino, rassicurante, esemplare ! Persone la cui stretta di mano costituiva motivo d’orgoglio. D’accordo, apparteneva al passato, ma almeno un po’ di partecipazione alla crisi del Paese volete dimostrarla ? Gli elettori di oggi hanno gli strumenti per valutare, occhi per vedere e cervello per distinguere. Non vi alletta, non vi stimola l’idea di godere della stima degli italiani? L’attesa riduzione del numero del Parlamentari, arriva o non arriva?
Quello che è certo è che il malessere serpeggia incontrastato quindi, lasciare inascoltate le legittime aspettative degli elettori non è rassicurante, per nessuno........” r.m.
---------------------------------------------------

7 commenti:

Dual ha detto...

Un saluto ed una buona domenica..Se cerchi risorse free per il tuo blog..vieni a trovarci!!!

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Una bellissima riflessione. Di solito durante la campagna eletorale i politici aprono la bocca e sparano solo per guadagnare qualche voto in più senza rendersi conto del peso di ciò che dicono, e poi il parlamento sta diventando un posto dove nessuno scagliarebbe la prima pietra....peccato.

Lucignolo ha detto...

Ho un atroce dubbio, forse 100 sono più "abbordabili" dalle lusinghe di qualcuno ?
Lasciamoli lì quanti sono ora, il problema è ridurgli lo stipendio, i previlegi e sceglierli (noi cittadini con le preferenze) per ciò che fanno, avendo la possibilità di non riconfermarli; anche il problema della pensione "facile" rende appetibili quei posti a persone che nulla intendono fare per la cosa pubblica, forse una sforbiciata ai previlegi dovrebbe cominciare da lì.

Per il resto, presterei molta attenzione a stringere il cerchio dei rappresentanti, specialmente oggi !

Siamo delusi della qualità, ed abbiamo pochi mezzi per valutare quelli realmente validi, ma averne 100 non credo che automaticamente ne migliorerebbe il livello, stanti le condizioni del paese.

Continua il gioco (massacrante) dello spostare l'attenzione sui falsi problemi, aiutati da una stampa schizzofrenica e asservita.

Personalmente quando sento questi annunci la mia mente corre in senso opposto e mi chiedo "da cosa vogliono che mi distragga ?"


Voglio continuare a scegliere, magari male, ma scegliere !


Buongi Buongi a tutti.

Una carezza e felice giornata a Renatuzza.

Renata ha detto...

DUAL - Grazie per l'invito. Verrò presto a trovarti.

-----------------------------------

L'amico BLESSING fa una amara, realistica o
osservazione.
Peccato...davvero peccato !Ti leggo sempre con piacere.
-----------------------------------

Renata ha detto...

LUCIGNOLO - sei sempre un passo avanti a me e hai ragione. Sarebbe davvero meglio ridurre i privilegi!

E soprattutto sia l'elettorato a sceglierli ed, eventualmente, ri/confermarli.

Certamente i comportamenti cambierebbero. E la questione della "pensione facile è argomento assolutamente da rivedere perchè è, attualmente, semplicemente vergognoso.

Caro Lucignolo...applaudo e mi godo la carezza che ricambio con affetto. renatuzza.

Alessandra ha detto...

Cara Renata, son qui a ringraziarti per il commento che hai lasciato da me. Procede tutto bene, il passerotto muove le sue ali con le penne un po' arruffate, la grinta non le manca. Spero che sia un nuovo inizio con la forza che ha avuto fino ad ora. Lei è speciale e noi che, un pezzettino per ciascuno, le siamo stati d'aiuto stiamo ricevendo un dono meraviglioso.
Unn abbraccio e un grazie grandissimo! Alessandra

Renata ha detto...

Cara Ale, passerò ancora da te per evere notizie e, nel frattempo, resto al tuo fianco con tanto affetto. a presto. muccina