martedì 4 novembre 2008

Nord-Sud

------------------------------------------------
Viaggiando, ho imparato due cose : nel sud del mondo
non bere acqua e nel nord non respirare. (anonimo)

14 commenti:

Renata ha detto...

Questa constatazione è fin troppo realistica ed è già diventata una tragica realtà.

Ancora una volta il dio denaro chiede che vengano immolate vite umane.

Quante risorse potrebbero essere indirizzate al risanamento del pianeta ?

Ma..noi guardiamo alla luna, a Marte; guardiamo in alto con i piedi nudi nella melma!

zahxara ha detto...

Buon giorno dolce muccina,
è così bello e stimolante vederti innamorata della cara vecchia terra, così offesa, bistrattata, umiliata e misconosciuta.
E' sempre la stessa storia; l'uomo aspira all'immensa grandezza e continua a non comprendere che l'immenso parte dal nostro essere per nutrire e nutrirsi nel "piccolo" intorno a noi.
Un fuerte abrazo y besitos a lluvia....................

Luigina ha detto...

Un pensiero su un problema grave ed inquietante Renata, che ci vede tutti coinvolti, ma che molti credono siano altri a dover risolvere.
Vedo che te la stai cavando bene con le etichette;) Buona giornata muccina con un caldo abbraccio

Aliza ha detto...

si, siamo dei cattivi amministratori di beni affidateci solo temporaneamente e che dovremo passare ad altri per la loro sopravvivenza, viviamo come dei pazzi: fuori dalla realtà.
Un bacio muccina, ciao A.

Jasna ha detto...

NON SO COSA SIA PEGGIO.! ciao Renata... in ogni caso credo si possa perdere le penne.

Renata ha detto...

ZAHXARA - LUIGINA - ALIZA - JASNA
Per come vi conosco....non avevo dubbi. L'umanità è insensata, ma sarebbe questo il tema da affrontare, prima di tutto con il buon senso soggettivo, riciclando ed evitando gli sprechi.

E collettivamente manifestando per urlare :

lasciateci almeno respirare !

Maurizio ha detto...

Io migro all'equatore....

Renata ha detto...

Caro Maurizio, sei passato un po' prima stasera ! Grazie per l'assiduità. un abbraccio.

alianorah ha detto...

Tristemente vero.

calendula / trattalia ha detto...

oooooooooooh finalmente qualcuno che la pensa come me.... io capisco tutto capisco il processo tecnologico, capisco la sete di conoscenza, ma qui si esagera... paesi in via di sviluppo come l'India che investono milioni e milioni di dollari per andare sulla luna, mentre nel loro paese i bambini muoiono ancora di lebbra e di fame... mi fa spavento, senza contare l'inquinamento provocato da ogni lancio spaziale, senza contare che i soldi spesi ( anche in America) potevano essere investiti in ricerche più urgenti per problemi reali della popolazione mondiale, la luna ha dei crateri, non cè la gravità, mate è rosso cè il ghiaccio.. per il resto ce tempo...prima risolviamo i nostri ( gravissimi problemi qui) e poi si puù partire per lo spazio.
Un bacio Calendula

Renata ha detto...

Belle, realistiche parole impulsivamente e meravigliosamente espresse.

Su concetti di questo genere, io che sono contraria alle parolacce, dirotterei addirittuta sul turpiloquio quando penso all'imbecillità di chi fa certe scelte e di chi le supporta. Per queste cose bisognerebbe scendere in piazza. Diversamente non ci sarà la possibilità di farlo per altri motivi. Un abbraccio solidale.

Alessandra ha detto...

Ciao Renata, ricambio con infinito piacere la tua visita da me! ho gironzolato un po' per i tuoi post ...mmmh! mi piace!!!!
^___^

... e a proposito di questo Pensiero del Giorno ... ricordo una vecchia canzone di Mia Martini che diceva:
"Ma l'uomo non capisce e cosa fa? Ha il mare in tasca
e l'acqua va a cercar"
la cantava nel lontano 1976... e credo che purtroppo sia ancora attuale!

A presto!
Alessandra

Andrew ha detto...

che bella questa frase
ciao renata

scricciolo ha detto...

buon giorno, è sempre un piacere passare nel tuo blog e leggere i tuoi pensieri. Hanno la fantastica capacità di darmi serenità e mettermi di buon umore. Un abbraccio fortissimo!!