domenica 2 novembre 2008

Ladra di ciliege.

-----------------------------------------------
Un’amica speciale, faceva riferimento (in un discorso più ampio) alla mia capacità di inventarmi le ali e ancora le rivolgo un grato pensiero perché riconosco qualcosa di vero nella sua affermazione. Anche oggi, due novembre, tranquillamente arenata davanti al computer ho contattato idealmente coloro che hanno fatto un tratto di strada al mio fianco, prima di allontanarsi per sempre.

Superfluo parlare dei familiari che – nella mia realtà – sono ancora e sempre presenti, ma guardo alla ormai folta schiera di amici, coppie e singoli personaggi che hanno animato e arricchito il mio percorso. Sono quasi una superstite della mia generazione, una ladra di ciliege, se paragono i mesi ai polposi frutti.

Molte volte il padrone del campo mi ha sorpreso a cogliere i rossi frutti e - forse per ricordarmi che sono fuori tempo massimo - mi ha inseguito e l’ha fatto l’ultima volta nell’agosto di quest’anno, ma ancora una volta gli sono sgusciata via di tra le mani. Fortunatamente mi sono anche ripresa velocemente, "falso allarme" mi sono detta facendo l’occhiolino.

Ma in questo momento vorrei rivolgermi ad un’altro tesoro di amica che mi “tira le orecchie” con garbate, affettuose sollecitazioni. Edvige, rileva, giustamente che un intervento giornaliero per 365 giorni l’anno nel mio Blog è troppo impegnativo. Come darle torto ?

Lei ha ragione se non tiene conto delle mie ragioni. La mia età è nota, ma...ho ancora vagonate di pensieri in lista d’attesa. E voglio porgerli ! Sono certa che festeggeremo assieme i miei cento, ma....se io fossi chiamata improvvisamente altrove ?!
Cosa me ne farei del “non detto” ? – r.m.

10 commenti:

zahxara ha detto...

No, distrarremo il padrone del campo perchè non veda e ascolteremo ancora e ancora i tuoi pensieri!
Te necesito mi queridisima amiga.........

Renata ha detto...

Mil y mil besitos ! Ho bisogno di aiuto perchè voglio rubare ancora.

Voglio vedere Villa Lopeza ! Ci tengo.

Sempre in lotta la muccina, cerca il sole ogni mattina.

Hasta luego !

Luigina ha detto...

Il tuo è l'atteggiamento giusto Renata. Un po' in ritardo, ma ho mantenuto la mia promessa e ho riordinato i tuoi pensieri. Ci sentiamo più tardi.

Ishtar ha detto...

Concordo con te, infatti se sento qualcosa la dico perchè penso sempre che sappiamo che lasceremo questa terra ma non quando per cerco di fare come se oggi fosse l'ultimo giorno, ciao

alianorah ha detto...

Un post al giorno toglie il medico di torno. Reinventiamo così il ben noto proverbio! Credo che se scrivere ti fa bene, tu non debba rinunciarci (sempre compatibilmente con il parere del tuo medico curante). E mi aspetto che tu rubi ancora vagonate di ciliege, cara Renata, perché leggerti è ormai un piacere irrinunciabile.

Renata ha detto...

Luigina, ti ringrazio ancora per la costante collaborazione. buona giornata.
----------------------------------
ISHTAR - sono molto contenta. La comprensione è un meraviglioso conforto! Un bacione.
-----------------------------------ALIANORAH -Per me è senz'altro come dici tu e adotterò lo slogan per non dimenticare che "un post al giorno, toglie il medico di torno." Un abbraccio stritolante.

silvia dell'isola ha detto...

Renata
albero di ciliegie
nel mare grande dei giorni.
La tua seggiolina, una vela.

Renata ha detto...

SILVIA ! La mia cara poetessa che riveste di sogno anche la più inquietante realtà. Ti ringrazio e ti abbraccio con l'affetto di sempre.muccina

Aliza ha detto...

quello che ci piace e da felicità non può far male, tranne la cioccolata e poche altre cose, ma a piccole dosi tutto è tollerabile. cara muccina, un abbraccio A.

Renata ha detto...

ALIZA , Spero che anche la cioccolata (a piccole dosi) possa far bene perchè è una delle dolcezze verso le quali indulgo più frequentemente.

Ho già sul comodino una cosina della Lindt che mi predisporrà a rosei sogni.

Devi rinunciare ? Per invogliarti a darmi conforto...ti abbraccio forte. muccina.