martedì 10 maggio 2011

Osama é morto.

Bresciaoggi, 11 maggio 2011
---------------------------------

Era disarmato, perché ucciderlo ? Per lo stesso motivo per cui è stato ucciso Mussolini il cui cadavere, assieme a quello della donna che lo aveva seguito fino all'ora estrema, sono stati esposti al pubblico ludibrio. L'immagine delle Torri Gemelle, delle vittime disarmate e innocenti, la rabbia, l'esasperazione, il ricordo della paura. Questo ed altro ancora hanno spronato all'annientamento di un uomo che ha dato origine al terrore insidioso, serpeggiante e imprevedibile.




Hanno fatto bene ? Hanno fatto male ?




Ritroveremo questa domanda, tra quelle che non avranno risposta, ma non dobbiamo abbandonare la speranza che qualcosa rimanga a ricordo e mònito.



---------------------------------

5 commenti:

Jasna ha detto...

Cara renata, bella domanda... credo che nel nostro intimo ..non lo rimpiangeremo anzi , cercando di essere sinceri con noi stessi credo che tutti abbiamo pensato: sta bene morto.
ma mi ha colpito un intervento di un giornalista... quando giustamente diceva che sarebbe stato un casino assumersi la responsabilità di un processo nei confronti di una persona che alla fine sarebbe stata condannata a morte... tirandosi dietro i si e i no dei pacifisti o di chi è contro la pena di morte... magari dando una morte pubblica come per saddam a suo tempo. E' stato ucciso in guerra , e in guerra l'omicidio non è un omicidio. riflettiamo.

Renata ha detto...

Cara Jasna, é andata così e così rimane. Non c'è appello possibile. Importa e vale il fatto concreto che dovrebbe parlare al cuore di molti.
La tirannia, la prevaricazione, le stragi non hanno mai portato a conclusioni edificanti. La storia insegna che "chi di spada ferisce....."
Ma temo che non ci sia insegnamento idoneo a risparmiare sofferenze indicibili a questa nostra umanità. Ciao Jasna. un bacione.

Luigina ha detto...

Perdonatemi, ma io sono ancora scettica su questa morte, sulle circostanze in cui sarebbe avvenuta, sul modo e i tempi del suo annuncio. E' vero che uccidere un uomo, ritenuto responsabile di tante morti innocenti,è comprensibile e per certi versi giustificabile, anche se disarmato,ma sono convinta che la sua morte non porrà fine purtroppo ad altre morti e alle vendette dei suoi seguaci

Luigina ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Luigina ha detto...

Se volete farvi venire qualche dubbio anche voi leggete questo articolo o QUESTO