lunedì 26 gennaio 2009

Conoscere gli uomini...

-------------------------------------------
Non è grave se gli uomini non ti conoscono,
è grave se tu non conosci gli uomini!”

Confucio filosofo cinese 551 a.C. circa – 479 a.C. – da “Conversazioni”.

10 commenti:

Maurizio ha detto...

Cerco di sperimantarlo... e forse ci riesco... oggi si...
Spero tu stia bene..
Un bacio

GlitterVictim ha detto...

Più che grave direi che è pericoloso, come dire? Meglio star sempre in campana.

Un abbraccio,
GV

Renata ha detto...

a Maurizio. Se non ci riesci tu, coraggioso falco ! L'occhio indagatore mi pare proprio che tu l'abbia, se la foto ti rende giustizia. Grazie Maurizio,per la salute me la cavo, ma sono in attesa della chiamata per una bella revisione in day hospital.Voglio rimanere in pista, con tutta l'anima. Un abbraccio. renata
----------------------------------

GlitterVictimi "In campana" SEMPRE. almeno finché ti innamori. Di solito quando il cuore si apre per un'accoglienza totale...la vista si appanna un po'. Ma anche questa è vita. Ricambio l'abbraccio.

M!KA ha detto...

condivido in pieno.. e prendo atto che non riesco sempre a fare così....

riri ha detto...

Cara Muccina, passo ad abbracciarti.
In quanto agli uomini..non si finisce mai di capirsi/conoscersi completamente, anche dopo tanti anni.
Spero di rivederti in ottima forma, perchè è sempre un piacere leggerti..ci sono tante cose che riesci ad insegnarmi.

Renata ha detto...

Ciao M!KA ! Verrò presto a trovarti perché desidero leggerti.
In attesa...ti abbraccio forte.
-------------------------------
RIRI, hola, mi queridissima, que pasa ? Come si fa a conoscere un uomo (o una donna) ? Noi cambiamo nel nostro procedere. Tutti cambiamo un po'. C'è chi migliora, chi inacidisce, chi diventa più tollerante, ma la staticità non è di questo mondo. Ecco perchè o si cammina assieme o ci si perde. In quest'ultimo caso si vive in solitudine con una presenza che non ci contatta più. La peggior solitudine questa, credimi. DA EVITARE con tutte le forse. Non perdiamoci, quindi. Un abbraccione. muccina

Renata ha detto...

P.S. per RIRI io credo di non avere niente da insegnare. Posso cercare di capire, ma per insegnare bisogna SApere E IO...NON SO.Brancolo ancora e non smetterò mai di farlo!(iN FONDO....MI PIACE) uN BACIO. RENATA

pia ha detto...

Conoscere gli uomini si può, ma non li si conosce mai abbastanza.
Tante volte poi cambiano nel corso della vita e, più che conoscererli, ti rendi conto che NON riesci più a ri-conoscerli.
Ci sono poi conoscenze anche profonde dettate dall'amicizia che ci svelano aspetti degli uomini SOLO nel momento in cui devi averci a che fare più da vicino.
Comunque gli uomini sono belli...

Lucignolo ha detto...

Buongiorno, a tutti !

Qui si commenta seconda del proprio vissuto, e scorgo negli scritti l'aspetto del rapporto uomo/donna, che la frase induca a ciò secondo una visione personalistica è lecito ma credo che il signor "Confucio" intendesse il genere umano, tutto.

Con tale interpretazione direi che il genere umano è ben conosciuto, la storia o se volete più semplicemente le cronache, ancorchè entrambi scritti di parte, non lasciano dubbi a lettori attenti, anche senza giungere alla filosofia ed agli studi sociologici.

Dunque resto perplesso per questa incoscienza sociale che parte dall'incomprensione legittima del singolo per dire che non comprende il genere umano...

Vorrei che si interpretasse la massima di Confucio in tal senso,
è necessario uscire dagli alibi di ognuno di Noi per trarre insegnamento dagli atti trascorsi della comunità umana.

Ma mi preme rammentar in questa riflessione che
"cane non morde cane"
e
"più conosco gli uomini e più amo gli animali".

...per maschi/femmine, un altro capitolo eh ?!


P.S. che sia risposta al fatto che sto bene, grazie e ciao Renatuzza.

Renata ha detto...

Pia - Si è vero: "Gli uomini, sono davvero belli e soprattutto, sanno essere particolarmente essenziali per noi ragazze. Vero ! cara Pia.
----------------------------------
Lucignolo. Certamente "il signor Confucio" intendeva riferirsi all'uomo in quanto essere umano (uomo/donna). Non v'é dubbio alcuno.
A seguire, si nota che, per la donna, l'uomo è la presenza prioritaria (e,spesso,viceversa).
E' bello ritrovarti tra noi con il nostro affetto, le nostre carenze, i nostri piccoli o grando pregi.
In sintesi " Ben tornato, caro Luca!Renatuzza.