sabato 10 maggio 2008

Maternità sofferta

---------------------------------------------------------------------------------
Anzitutto porgo auguri solidali e affettuosi a tutte le mamme l'11 maggio, che è il giorno dedicato alla mamma. Mi prendo però la libertà di ricordare - in questa occasione - anche quella particolare figura di donna che si è ritrovata “in attesa” senza le premesse per poterla considerare “dolce” e tento di seguirla nel percorso che ha orientato la sua scelta di essere madre.

La giovane età, la solitudine,la povertà,la mancanza di sostegno morale,l'assenza del partner e altro ancora, conferiscono alla possibilità di rifiutare l’evento il solo accesso alla soluzione definitiva. Quindi, rifiutare l’alternativa che, pur nel doloroso percorso, offre soluzioni definitive “eliminando il problema” richiede coraggio.

E ci sono anche altre eventualità. La donna è fisicamente strutturata per partorire, ma questo elemento fisiologico non la doterà automaticamente della propensione indispensabile per affrontare il gravoso compito che l’attende. Se questa donna -consapevole delle difficoltà che la coinvolgeranno - ha scelto di non precludere la vita a chi dentro di lei la reclama, è altamente degna di rispettosa considerazione.

Ciò posto, porgo auguri affettuosi a chi ha potuto vivere la maternità come festoso coronamento di un percorso di coppia e,altrettanto affettuosamente, auguro ogni bene a chi ha accettato, contro ogni egoistica logica di convenienza…. di rispettare la vita! r.m.
------------------------------------------

1 commento:

Jasna ha detto...

Grazie Renata... questo è un gran bel post... che dovrebbero leggere i moralisti e i bigotti convinti... io ho un gran rispetto per le donne che decidono consapevolmente di interrompere una gravidanza per i motivi che tu hai elencato. Convinta che non sia una decisione facile da prendere... almeno non senza rimorsi... per una vita che non avrà la possibilità di poter decidere... auguri a tutte le mamme...