mercoledì 21 maggio 2008

Carattere e temperamento

----------------------------------------------------------------------------------
Ha carattere chi riesce a dominare il proprio temperamento. Spesso un uomo sembra di carattere, mentre invece segue impulsi che lo asserviscono - Levi Appulo>

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Buon Giorno Cara e Saggia Amica Renata !
A proposito di "Carattere e temperamento" io direi che un uomo ha carattere comunque, anche quando (qualche volta) non riesce a dominare il proprio temperamento a causa magari di una arrabbiatura per esempio.
Una curiosità e scusa la mia ignoranza: chi è Levi Appulo? So delle ferrovie Appulo, perfino di un pecorino Appulo (formaggio) ma ignoro del tutto Levi Appulo.
p.s.: ieri martedì 20 maggio hai fatto festa! Non c'era infatti il tuo quotidiano "Pensiero in libertà".
Cari saluti.
Mario

Renata ha detto...

Mariooo! Che gioia! Mi fa piacere leggerti ma, ancora di più sentire che sei un "guardone" quotidiano. Però non rinuncio a contestare. Dominare o meglio, contenere l'esplosione dell'arrabbiatura richiede una forza di carattere non comune.Se ci pensi bene, tutti siamo capaci di lasciaci andare. Pochissimi riescono a dominarsi. E sono loro ad avere carattere. Credo che Levi Appulo sia un filosofo ma, di lui conosco solo la frase che ho citato perchè corrisponde ad un mio convincimento. Caro Mario, grazie per la gradita visita. Un saluto davvero affettuoso. A presto.

salvo ha detto...

Ciao Renata, le mie arrabiature riesco a soffocaele e ingoio tutto, questo è negativo e la conseguenza è la psoriasi per fortina in forma leggera.
Ciao Salvo

Renata ha detto...

SALVO - A te la psoriasi, a me la gastrite.

Ma si superano sai, questi effetti colletareli.

Si superano quando si riesce ad essere meno coinvolti, più distaccati.

Quando insomma, invece di imbufalirci, riusciamo a sorridere.

Sorridere con compiacimento perchè siano riusciti a dare poca importanza agli atteggiamenti provocatori.

In concreto non permettiamo più - a chiunque - di farci soffrire.

Grazie Salvo.

stella ha detto...

Non permettiamo più a chiunque di farci soffrire...parole sagge!

Renata ha detto...

Stella . Grazie per la visita. E ti faccio una confidenza : non è che io riesca sempre a tradurre le parole in fatti. Ma mi impegno. Mi impegno sempre. E sai perché ? Trovo stupido dipendere dagli altri per avere un pochino si serenità.

Jasna ha detto...

Ciao renatuccia.... io .ho imparato a placare la mia rabbia... direi, di essere in questo momento una buona ambasciatrice ... non porto pene, qualcuna di mia ...ma nessuna di altri. è difficile però, io ho sofferto per anni di gastrite nervosa con una splendida fioritura di brufoli sul mio viso....

Renata ha detto...

Davvero JASNA hai vinto la tua battaglia ? Applaudo.

Non ti invidio la gastrite (che conosco) e nemmeno i brufoli ma,a me che sto ancora combattendo - un po' di "acne giovanile" farebbe piacere!

Lucignolo ha detto...

1) parliamo di arrabbiature giustificate, non frustrazioni scaricate sugli altri...

Secondo me, finchè si parla di controllo è una cosa positiva, se si parla di reprimere e soffocare è una cosa negativa.

E' possibile controllarsi ma lasciar passare comunque un senso di disapprovazione forte e incisivo,
per far giungere all'altro il senso delle proprie ragioni e del proprio stravolgimento.

Importante è il dopo, non conservare in seguito ad una discussione i sentimenti di astio, risentimento, frustrazione, rabbia, queste sono davvero le cose negative che occorre riuscire a gestire e sedare dentro di noi, farle sciamare si, ma dopo aver dato il giusto sfogo "senza prevaricazioni" alle nostre ragioni.

Non è l'attimo dell'arrabbiatura che da la gastrite è il rimuginare del dopo tempesta che logora.

...certo quel che succede nella realtà delle cose poi, può esser molto differente da quello che volevi. Diviene, forse, più facile col senno del poi, gestire determinate situazioni soffocando certi impulsi. (per altri discorsi sai che non lo trovo giusto ne per me ne per i miei interlocutori)

Io ho tanti limiti ma quello che mi fa più stizza è proprio quello di non riuscire a gestire situazioni di polemica accese senza che i miei interlocutori mi accusino di "troppa veemenza" (eufemismo), non ho ancora capito se è una tattica di alcuni interlocutori, i quali per deficienza di argomenti lasciano 'il tema' e spostano le loro risposte sulla forma, tralasciando (credo volutamente) i contenuti, o effettivamente la sensibilità di alcuni sia veramente incapace di ascoltare chi verbalmente appare "molto coinvolto".

Sto bleffando, so che il limite e mio e potrei incastrare il mio interlocutore se riuscissi a mantenere un tono di voce più pacato e calmo...
Giuro che ci provo da anni !
Non è facile, sono forse troppo "diretto" ma devo trovare una forma senza perdere sostanza.

Mi sento fortunato perchè alla fine delle discussioni a me la rabbia sciama, 15 minuti dopo sono in grado di parlare con la stessa persona con cui ho discusso, quasi amorevolmente, perchè in quel che dico non metto quasi mai la contrapposizione personale ma solo quella delle idee.

Quello che scrivete te e Salvo, mi sembra un'indurimento dovuto al tempo, e alle vicissitudini, non tanto al "carattere e all'educazione",
forse il tempo ci logora da questo punto di vista ?

Forse per me è solo una questione di equilibrio diverso, a me logora molto più "tenermi dentro le cose" che "pentirmi di come le ho dette" o "sbollire la rabbia".

Eppure un bello "scazzo" con qualcuno a cui vuoi bene, o con chi pernsi possa rielaborare a posteriore ciò che dici (nessuno cambia idea durante le discussioni),
è così appagante se sai che non viene compromesso il rapporto fra umani !

ByBy

Renata ha detto...

Lucignolo afferma : ""Secondo me, finchè si parla di controllo è una cosa positiva, se si parla di reprimere e soffocare è una cosa negativa."" Esatto al punto che l'avevo ritenuto sottinteso. Comunque è una
giusta puntualizzazione, condivido.
Ma quando affermi:""Quello che scrivete te e Salvo, mi sembra un'indurimento dovuto al tempo"" rispondo che il tempo,dovrebbe aiutare a distingueguere quando e in che misura reagire.Anch'io penso che Salvo non dovrebbe "ingoiare tutto" ma senza fuochi d'artificio, chiarire. Buona serata Lucignolo.