giovedì 15 maggio 2008

L'educatore !

-------------------------------------------------------------------------------------
pubblicato dal Giornale di Brescia domenica 18 maggio 2008
pubblicato da Bresciaoggi venerdì 23 maggio 2008

----------------------------------------------------------
Ho il privilegio di godere dell’amicizia di un “educatore” di alta eccellenza e – sistemando stamattina la preziosa corrispondenza intercorsa – mi si è riproposta intatta la commozione di allora. Era il 2003 e questo insegnante “da tanto di cappello” mi scriveva, tra l’altro :

“”Nel mio ruolo di educatore, devo quotidianamente fare i conti con abbandoni totali e definitivi. Hai idea di cosa può succedere dicendo a una bambina: "che belle trecce hai stamattina? Te le ha fatte la mamma?" ... ed accorgersi dal pianto di avere squarciato un cuore?
In tutte le mie classi ci sono due o tre bambini che hanno perso uno dei genitori. Fino dal primo giorno dalla classe prima media,so di camminare su di un prato che nasconde nell'erba pericolosissime mine.

NON si dice:
"Avvisate il papà che deve depositare la firma sul libretto scolastico".
Si dice : "Un adulto deve firmare il vostro libretto scolastico".

Quasi ogni anno porto il peso di accompagnare nel dolore qualcuno. Anche quest'anno, purtroppo.
Anche se sono in vacanza e la scuola è chiusa, non voglio mancare al mio dovere. In questi casi cerco di raccogliere tutti i compagni e le compagne ad abbracciarsi strettamente. Quello che succede diventa un'occasione di crescita e maturazione per tutti e non mi sottraggo alle necessarie riflessioni. Voglio che crescano forti, come si dice di Ulisse "ben aduso ai colpi di sventura".

Poi ci sono gli orfani dei genitori viventi. Quanti hanno perso uno, l'altro o entrambe i genitori perché sono con "altre" mamme o papà. Qui nasce pure la preoccupazione della gelosia di fratelli e sorelle.Già il problema non è lieve col fratellino "vero". Se poi la mamma, che già "è andata via" ... vuole bene e dedica tutte le attenzioni a un fratellino appena nato da un altro papà.........

Insomma ci sono un bel po' dei miei bimbi e bimbe che debbono fare i conti tutti i giorni con l'enunciato: perso per sempre.Così a qualcuno che mi viene vicino scappa talvolta di dire "papà", diventa rosso, e io lo ringrazio davanti a tutti perché mi ha fatto un dono.””

-------------------------------------------------------------------------------------
No comment. Salvo il fatto che ho voluto onorare la missione dell’insegnare come il Professore in questione la intende e la svolge.r.m.

11 commenti:

Jasna ha detto...

grazie Renata per questo dono infinito che mi hai fatto... io sono stata una di queste studenti,... che si rattristava quando non c'era nessun padre che allietava le mie giornate di bambina malinconica... ho desiderato tanto un ricordo... anche di un rimprovero... che ora vedendo tanti genitori latitanti mi viene un gran nervoso... Ringrazio il buon Dio tutti i giorni per aver dato un padre meraviglioso a Ezio e Zoe...baci jasna

Lucignolo ha detto...

Un cuore ardente scalda quelli che sfiora con una lettera, immaginare quelli con cui vive e lavora !

Buongi Buongi

GlitterVictim ha detto...

Renata, te la cavi in matematica? Se si passa da me ho bisogno una mano.

Thanks!

Dama Verde ha detto...

Credo proprio che sia giusta la parola da te usata, Renata: "educatore".

Un educatore che sarebbe tale, anche se non facesse l'insegnante, giacché la sua sensibilità, la sua intelligenza lo porterebbe a trarre il meglio dagli altri, grandi o piccoli che siano.

Buon pomeriggio!!!

Renata ha detto...

JASNA. Sono contenta che tu abbia apprezzato un Prof. veramente speciale che stimo tanto.
-----------------------------------
LUCIGNOLO - hai ragione. Sono fortunati i bambini,i ragazzi che godono del meraviglioso contatto con questo insegnante! Un educatore! Non ti viene il dubbio di conoscerlo?
-----------------------------------
Glitter,sono passata da te ma, devo rinunciare risolvere il problema. Come direbbe la mia Caterina "sono annegata" per la matematica.
-----------------------------------
DAMA - confesso che la parola educatore, non è mia. Non l'hai già letta da qualche parte ? Prova a scorrere l'elenco dei limk consigliati, sul mio blog.
-----------------------------------

Jasna ha detto...

Il nostro Gabriele...Glitte... c'è un bel sito che parla solo di matematica... La nostra giovannahttp://matematicamedie.blogspot.com/ lei sicuramente ti potrà aiutare....

Lucignolo ha detto...

Conoscere è una parola GROSSA !

So, so chi sia, e so che alcune cose del suo pensar non le condivido ma non toglie nulla al suo valore, non siamo fatti di un solo pezzo e del mosaico non è detto si ammirino tutte le tessere, e poi quelle d'oro risplendon comunque !

Ciao !

Luigina ha detto...

Ti ringrazio Renata anche a nome di G. in uno dei rari momenti liberi dall'impegno che tu sai e che ora si è reso indispensabile. Forse sarebbe stato più saggio non far capire l'identità di Educatore. Questo credo abbia condizionato qualcuno dall'esprimere un commento oggettivo e trattenuto altri dal farlo. Non spetta a me perciò commentare questo post, dove hai voluto dimostrare la tua ammirazione a G. come educatore. Non sarebbe obbiettiva, anche se, io che lo conosco bene,la condivido, come i suoi allievi, le loro famiglie e ...stranamente... anche la maggior parte dei suoi colleghi,dirigenti e personale amministrativo e ausiliario. Proprio oggi sulla lavagna del laboratorio ha trovato scritto il prof..kiesa è rock ...firmato kiesa fan club :D

Renata ha detto...

LUIGINA - La realtà è nel DNA di G.(come tu hai voluto indicarlo). Questo è ciò che conta.Buona notte intanto.A presto.

zahxara ha detto...

Come spiegare quello che hai suscitato nel mio cuore?
Le lacrime bruciano ma sono le benvenute.

Renata ha detto...

Non io ZAHZARA ti ho emozionato ma,questo splendido educatore. Questo appassionato insegnante. Grazie per la conferma. Sono i suoi sentimenti che si rivelano particolarmente apprezzabili nel cielo nuvoloso della scuola. Grazie e benvenuta !