martedì 28 marzo 2017

Marianne, un attimo di consolazione.

------------------------
loch notes di renata mucci
Giornale di Brescia - domenica 26 marzo 2017
---------------------
Quotidiana tristezza e umana solidarietà.
Marianne, tedesca di nascita vive sola, con un cagnolino nero. Vedova, con due figli lontani che arrancano per sopravvivere, ha affittato un mono locale ammobiliato. Bionda, occhi chiari e una figuretta armoniosa. L’età, indefinibile e un timido sorriso.

Con il suo cagnolino, nel parco, socializza un po’. Quattro chiacchiere, qualche confidenza con una signora anziana che si accompagna ad una bella cagnolina bionda. Gli orari coincidono, gli sguardi si cercano e le passeggiate diventano una gradevole abitudine.

La padrona della cagnolina chiara ascolta partecipe le rare, amichevoli confidenze della più giovane che svolge saltuariamente l’ attività di Colf e una mattina, l’anonima signora incontra Marianne con una valigia in mano “Va in vacanza ?”. Le risponde uno sguardo smarrito che denuncia una forte tensione “No, non la rivedrò forse più, signora! Mi è stato confermato lo sfratto per morosità. Un’amica mi affitta il garage. Per me e Puffi, basterà, per ora.” 

“Quanti mesi deve pagare?” “Un anno” “In cifra ?” “3.600 euro” Troppo per me, ma le farò sapere se riesco a coinvolgere qualche amica. Mi dia il suo cellulare” Il numero viene trascritto e Marianne stringe le mano della signora, senza riuscire a parlare.

La mattina dopo è la proprietaria della cagnolina chiara a rivolgere a Marianne uno sguardo triste. “Mi sono attivata ma, purtroppo. non ho risolto e mi spiace molto e io mi permetto di fare quello che posso.” E le consegna una busta. Sono solo 500 euro che - come disse il poeta - erano “troppi per chi li dava, troppo pochi per chi li riceveva” . Ma bastarono per asciugare le lacrime di una donna che non si è sentita sola. Almeno per un attimo.
--------------------------
 

sabato 25 marzo 2017

Commentare NON E' PROIBITO,

--------------------------
Qualsiasi commento
di critica o di approvazione
sarà sempre gradito. 
--------------------------

Dialogo.

--------------------------

25 marzo 2015 - REPLAY

Da parecchio son ben desta
ed ho voglia di far festa
e vi voglio trascinare
con me, tutti a festeggiare !

"Facciam festa, ma a che cosa ?"
"Allo sbocciar di una rosa
che si offre, bella e altera
tanto da non sembrar vera !"

"Non c'é altro ?" "NO miei cari."
"Ma, non sono eventi rari !"
"Ma son sempre molto lieti
pur se sono consueti ! ".

La natura ci ha viziati
ci ha arricchiti e coccolati
ma,se lo sguardo é indifferente
meritiamo proprio niente !

muccina

venerdì 24 marzo 2017

Pensierino del mattino !

-Ma - parlo da Brescia - qui, la primavera non decolla.
 Fa freddino e il cielo è nuvoloso, 
ma.la mia Ketti saltella felice come se ci fosse il sole.
 Ed ha ragione le ! La gioia è dentro di noi, 
basta darle spazio e illuminerà il  giorno.
.-------------------------

giovedì 23 marzo 2017

Il tango della gelosia.

-----------------------------
Bella, passionale e suggestiva. bisbiglia nel mio cuore il testo del Tango della gelosia.La cantava Connie Francis nell'immediato dopo guerra e ha cullato a lungo i miei sogni di fanciulla in fiore...
E io vado a memoria, dolcemente, prorprio come allora :


No, non è la gelosia,
ma è la passione mia !
Quando ti guardano gli altri
Io fremo perché,
la tua bellezza la voglio
soltanto per me.
No, non è la gelosia
so che tu sei solo mia
Io fremo al pensiero che un dì
un altro amor,
ti insegnò a baciare così. 


Ma dai ! Ditemi che, anche per voi, queste sono parole bellissime ! Ditemi che il ricordo, giustifica i lievi palpiti dell'anima ! 

Buongiorno amici carissimi !
----------------------------------------

martedì 21 marzo 2017

Buongiorno al mondo.

----------------------------
Buongiorno alle pratoline che occhieggiano nei prati !
Alle gemme che crepitano tra i rami !
Alle tenere foglioline che cercano il sole !

All'acqua che ci disseta, ci nutre, ci deterge !
Agli uccellini che cinguettano liberi !


E un grato "buon giorno" a chi rispetta il giardino, la terra, la strada il marciapiede. 
A chi non sporca, a chi rispetta il mondo che ci accoglie !
----------------------------

domenica 19 marzo 2017

Il centro Italia, sempre nei nostri cuori.

----------------------------

bloch notes di renata mucci
Giornale di Brescia domenica 19 marzo 2017
 
Spero che il sole di questa dolce primavera conforti chi soffre e in particolare i nostri fratelli sconvolti dai recenti episodi sismici. Non riesco nemmeno ad immaginare lo stato d’animo di chi ha perso tutto ! La casa, il rifugio, il porto, gli oggetti, i ricordi, gli abiti e la sicurezza che offre quotidianamente una confortevole abitazione. 

Fortunatamente c’è chi porta aiuto e conforto in ogni angolo il cui il dolore cerca di insinuarsi o si è già instaurato. Mi unisco a chi continua a sperare e a chi, dopo l’enfasi, continua a ricordare perché, purtroppo capita che - dopo lo sgomento iniziale - ci sia la tendenza a relegare il ricordo in un àmbito isolato, ma è invece indispensabile ricordare chi è stato catapultati in una dimensione improponibile, piena di disagi, freddo e paura, a cui si aggiunge la visione di un futuro incerto e preoccupante.

Sostano nell’aria parole di conforto e di solidale comprensione che svelano tutta la loro inutilità quando il tempo scorre e niente annuncia l’auspicata ripresa, ma noi singolarmente, possiamo continuare ad offrire il nostro appoggio tangibile con piccole offerte, sempre utilissime.
Resto convinta che questi soldi, svincolati da una frenante burocrazia, saranno di conforto alla nostra gente.

E spero che gli Organi di informazione -che si occupano, fino a nausearci, delle squallide beghe di partito - ricordino che il loro dovere primario sta nella continua attenzione verso chi, incolpevole, vive un dramma dolorosissimo. Il dovere di chi governa e di ogni singolo individuo congiuntamente, è quello di contribuire alla rinascita di un popolo stremato che ne ha veramente bisogno.

Restiamo uniti, restiamo umani ! r.m.
---------------------------------------------

sabato 18 marzo 2017

Festa del papà.

----------------------
Mi porto avanti !
------------------
19 marzo - festa del papà - Se potessi realizzare un desiderio assurdo, vorrei condividere la mia vecchiaia con quella dei miei genitori per annullare alcune stupide frasi formulate "a quel tempo". Quando dicevo “Capisco!” e non capivo niente, perché la vecchiaia è uno stato che deve essere vissuto, per essere compreso. 


Chiedo scusa oggi, per aver sorriso con sufficienza della stanchezza (ingiustificata?) della mia mamma, per la svogliatezza del mio papà. Sono sensazioni che, attualmente, mi circolano nelle vene ed ecco perché le capisco, adesso. Capisco che la vita stanca, che il lungo percorso stanca, le attese stancano, le malattie stancano, e alla fine, quella che chiamiamo stanchezza è sfinimento.

E’ il concreto esaurimento delle risorse, impossibile da prevedere, com’era impossibile pensare che -.dopo le lotte, le fatiche, le ansie, sarebbe arrivata, assieme alla fragilità questa voglia insaziabile di tenerezza che non viene confessata, soltanto per pudore. 

Oh mamma! Sto andando fuori tema, ma rientro velocemente per rendere un doveroso omaggio alla figura paterna che è importante nella vita di ognuno e può contribuire – soprattutto con l’esempio - alla formazione dei figli. Con un costante comportamento di rettitudine, di coerenza, di rispetto per la natura e per il prossimo. Auguri a tutti i papà. r.m..
----------------------

venerdì 17 marzo 2017

No comment


Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Pensiero del giorno.

------------------------------

I pensieri di chi riempie la moka,
devono essere sorridenti.
 

Altrimenti il caffé non ha profumo !
-------------------------------

mercoledì 15 marzo 2017

Amarcord dell'arrivo di Marta.


-----------------------
Ho 6 pro nipoti dal 14 anni a 9 mesi e dovrei essere meno vulnerabile, invece - nel ritrovare un appunto del 2001 quando mi è stata annunciata la nascita di Marta (ma mia prima) - mi sono emozionata come allora.
--------------------

dicembre 2001 giovedì.

La pausa pranzo del giovedì mi viene regalata dalle mie nipoti e rappresenta una gioiosa occasione per me che le posso guardare, viziandole un po’ e cercando di partecipare al dipanarsi degli avvenimenti che via via le coinvolgono
Ma questo 20 dicembre 2001 rivela, da subito, la sua caratteristica di eccezionalità. Assieme a Roberta, 26 anni, arriva anche Ambra mia nuora (non attesa) che viene festosamente accolta. Sopraggiunge Paola (la minore) che prende posto a tavola mentre mi giunge, quasi perentoria una sollecitazione : ”Siediti nonna” mi siedo e Roberta mi guarda e sussurra : “ Nonna...aspetto un bambino.”
Sento una specie di incontrollabile singulto che sale dal profondo, prontamente bloccato da un sorriso. Poi un abbraccio lungo, forte, intenso. I miei occhi cercano quelli di mia nuora che sono lucidi e commossi e tendo una mano per accogliere qualcosa che Roberta mi porge. Sono le immagini dell’ecografia.
Guardo quell’ombra che misura metà di un mio mignolo e mormoro, senza riuscire a dominare l’emozione :”Dio...com’è bella!”
Quando mio figlio ci raggiunge l’atmosfera è festosa “Sai già tutto?” “Si. E tu cosa dici?” Conciso, si cela dietro una battuta: ”Se sarà maschio curerò io il settore sportivo!” “E se è femmina?” “ Mi rassegnerò a restare in minoranza!”
Poco dopo rimango sola, con la dolce consapevolezza di questa realtà e asciugo sorridendo col dorso della mano lacrime dolcissime.






replay del 15 marzo 2014

-------------------------------·
la filastrocca
-----------
Son felice ed appagata
della mia quieta giornata
che procede guarda caso

con  profumi sotto il naso

Oggi il sole, è tiepidino
e comincio a star benino
e già sta per  ritornare
la mia voglia di osservare !


I miei occhi hanno problemi
che disturbano i miei schemi
ma non riescono a intralciare

il mio bisogno di indagare.

Quindi amici, eccomi qui
già pimpante e più serena
Ad ammettere con lena
che ne val sempre LA PENA !



WOW !
----------

martedì 14 marzo 2017

Senza titolo.

-----------------------
Considerato che l'anagrafe è impietosa
e che la bellezza sfiorisce.....
é meglio coltivare l’intelligenza.


Alla bellezza ci si abitua, ma alla stupidità... no.
Buona serata, buona nanna e buon domani. muccina
----------------------

pensiero del giorno.

------------------------
Il mio corpo mi contiene, 
ed é lui che subisce gli insulti del tempo,
Io no! Io sono la mia mente,...


renata mucci,
------------------------

lunedì 13 marzo 2017

replay- Tre anni fa

---------------------
13 marzo 2014  ·
Queste giornate sono ideali per...pedalare !
--------------

Pedalare serenamente, senza pericoli, per riscoprire la natura e le nostre stesse risorse fisiche, dovrebbe essere possibile a tutti. Si tratta di un’attività non inquinante, ritemprante e anche educativa che, con naturalezza, limita l’uso delle quattro ruote e aiuta a riscoprire il piacere del gioioso faticare.

 E' quindi opportuno spronare e supportare le Autorità Comunali in ogni loro iniziativa che abbia come scopo la viabilità - opportunamente tutelata - delle due ruote.
 

Piste ciclabili ovunque e poi….in sella ragazzi !

Mi auguro che tutto ciò si realizzi e si realizzi a breve, non certo perché desidero percorrere il mio futuro in sella ad un velocipede (;-) ma per offrire al vostro futuro una chance in più. e per voi la speranza dovrebbe diventare una certezza.

Buone pedalate, amici e buena vida.
------------------------
 

domenica 12 marzo 2017

Noi e loro, insieme

---------------------------------
bloch notes di renata mucci
Giornale di Brescia domenica 12 marzo 2017
-------------------------
L'8 marzo è appena scivolato via e sarebbe bello che restasse nei cuori il desiderio di ricordare, per l’intero anno , la figura femminile. Onorandola con pensieri rispettosi che ci spronino a non dimenticare che, ancora oggi la donna è spesso succube dalla mancata emancipazione maschile.

E’ la cronaca, spesso angosciante, che punta il dito accusatore su maschi che non si sono evoluti e non sono mai diventati veri uomini, perché « maschi si nasce, ma uomini si diventa ». Con l’educazione, il buon senso e l’accettazione di una imprescindibile verità che dichiara ogni individuo libero di scegliere con chi accompagnarsi nel percorso.

Nessuno può possedere un altro individuo, ma ognuno può farsi amare lasciando appunto, la più ampia libertà di scelta. Lasciamo sempre, nelle nostre menti, uno spazio attento e partecipe per le vittime dell’ottusità e della violenza criminale del maschio e speriamo che, in famiglia, non venga mai sottovalutato anche il minimo atteggiamento di prepotenza o bullismo.

Non trascuriamo il fatto che tutti nasciamo da un ventre femminile, veniamo nutriti al seno e scaldati dalle braccia di una donna, ma non dimentichiamo il seme che ci feconda e ammettiamo, ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che uomo e donna si completano in un abbraccio che dev’essere di libero amore. Non frutto di costrizione o di effimero, illusorio possesso.

Approfittiamo di questa ricorrenza per sollecitare rispetto e comprensione laddove ancora manca o scarseggia. Limitiamo i festeggiamenti "tra donne " e festeggiamo con i nostri uomini, confermando che li vogliamo al nostro fianco tutti i giorni della nostra vita, per procedere liberamente, insieme ! r.m.
-------------------------

sabato 11 marzo 2017

Buon fine settimana a tutti !

----------------
Brindate pure in questo sabato
ma, se avete intenzione di affogare
i vostri problemi nell'alcool,
tenete presente che alcuni problemi
sanno nuotare benissimo.

--------------

venerdì 10 marzo 2017

lenta ripresa.

-------------------------
La ripresa è lenta, ma percettibile e io non riesco a stare lontana da voi amici miei, che siete la mia forza ! Quini eccoil pensierio del giorno :

Speranza.
se mi prendi per mano
nel lungo cammino
è più tenue l’affanno,
quindi restami sempre vicino

-----------------------------

giovedì 9 marzo 2017

pensierino del mattino

------------------------------
Noi donne, inneggiamo al nostro “sesto senso” e poi….…
ci rifiutiamo di ascoltare la voce inequivocabile del silezio

 (criticabile, ma eloquente ) nel quale i nostri uomini 
frequentemente si rifugiano.

Sveglia ragazze ! 
 



---------------------

mercoledì 8 marzo 2017

La giustifica !

----------------------------

Se non sarò assidua come vorrei, una ragione c'é ! E' tornato a vedermi il Medico che conferma: Bronchite con broncospasmi. Ma c'è di peggio e con aerosol e antibiotici vedrò di venirne fuori.
   
C'è un gran bel sole fuori che mi aspetta e c'è mio figlio che mi fornisce anche di elementi di svago tipo lasagne, tortellini e cannoncini allo zabajone.

Ad maiora semper sperando che questa brutta tosse si dia una calmata.
-------------------------

martedì 7 marzo 2017

Pensiero del giorno

------------------------

E' mai possibile che diciamo ancora  "i siciliani" "Gli immigrati""le donne""gli uomini" e che - non ostante la nostra cultura - non dubitiamo, non sospettiamo mai che queste parole - da molto tempo - non hanno più plurale ma soltanto infiniti singolari ?  
-----------------------

domenica 5 marzo 2017

Quando la vecchiaia, aumentava il prestigio !

---------------------
block nores di renata mucci
Giornale di brescia di domenica 5 marzo 2017

"Una vecchiaia onorata ha così grande autorevolezza che vale di più di tutte le forze della giovinezza". Questo evidenziava Cicerone nel 44 avanti Cristo, nel "Cato Maior" (trattato sull'avanzare degli anni). 

Ma è quel “vale di più” che dà voce alle mie perplessità. Riservando al grande saggio, tutto il rispetto che merita, mi permetto affermare che accostare la giovinezza alla vecchiaia, è come  paragonare la primavera all'autunno, l'alba  al tramonto, lo scheletro alla muscolatura. Proprio perché ciascuno di questi elementi ha peculiarità proprie e non trasferibili e, ognuno, ha diverse ma essenziali autonome prerogative . E nessuna di esse “vale di più” di un’altra. 

Comunque Cicerone ha ragione finché si attiene ai tempi in cui la vecchiaia poteva fregiarsi degli aggettivi “onore e autorevolezza”, depositari di ricordi ed esperienze che venivano tramandati dalla loro viva voce. Ma era anche l’epoca dei tempi lunghi, dei passi lenti che sono ormai soltanto un vago ricordo. 

Oggi abbiamo tutti insensatamente fretta e abbiamo lasciato che si insinuasse nelle nostre menti e nelle nostre vite, lo stres e la depressione. I vecchi hanno finito per assumere un ruolo ingombrante che tende, sempre più abitualmente. a relegarli in spazi ritenuti idonei, ma al di fuori del contesto familiare. Con tutto ciò che ne consegue. 

Se Cicerone potesse tornare tra noi, rimarrebbe basito davanti a tanta disinvoltura, ma possiamo invitarlo a ridimensionare le sue reazioni, volgendo lo sguardo verso quella moltitudine che ancora si occupa e si preoccupa degli anziani riservando loro, sollievo e assidue attenzioni.

 La bellezza dell’anima, fortunatamente, esiste e resiste ! r.m.
-----------------------

sabato 4 marzo 2017

La filastrocca è d'obbligo

----------------------------

Da sempre si dice che marzo è un po’ pazzo
e di sorprese ne ha in serbo un bel mazzo
ci prende per mano e ci transita piano
dal grigio inverno, e ci porta lontano.

Ci lascia intuire che il bello sta per venire
ci scalda col sole per ventiquattr’ore
poi cambia gli eventi col fresco dei venti
Par capriccioso ma, invece è gioioso

Annuncia alle gemme “E’ finito il riposo !”
risveglia la terra e la rende più bella
e con nuovi fiori profuma gli amori
Marzo ! Sei pazzerello, ma sei sempre bello.

muccina
----------------------------

venerdì 3 marzo 2017

saggezza antica



E augurale, sempiterna verità.

Un vecchio a un baldo giovane : Tu sei come io ero.
                                                     Io sono come tu sarai !

--------------------------

giovedì 2 marzo 2017

Pensiero del giorno

-----------------------------

L'indifferenza è tossica.
E' un veleno che agisce subdolamente
e lentamente, avvelena la società tutta.
L'indifferenza emargina l'individuo.

L'indifferenza é il male supremo !
------------------------------