venerdì 10 aprile 2009

Fidarsi è bene, ma........

--------------------------------------------------
Leggo il post di un amico che vive la fase successiva alla delusione ed è decisamente incavolato. Intervengo con quel po’ di esperienza che rimane dopo aver ricevuto qualche inattesa badilata sui denti e mi siedo accanto a lui per cercare di diradare le nubi che si addensano nel suo cielo. Spero che un esame obiettivo si dimostri utile, almeno in futuro. Prendiamo atto anzitutto che, tra la folta umanità, i mediocri...sono in maggioranza, ergo, impossibile evitarli e unica difesa è la cautela. Cautela che però, anch'io, ho adottato quando ho avuto più denti finti di quelli in dotazione, ma ho imparato che la fiducia istintiva è sempre un azzardo e quasi sempre prelude alla fregatura.
Ed è anche stupida, quando non è supportata da un minimo di prove a garanzia, ma come l'amore e la simpatia è istintiva è viscerale ed ha una sua chimica. Ottima premessa per le delusioni. CAUTELA e supporto di valide motivazioni, ma dove possiamo cercarle “le valide motivazioni” ?
Magari osservando un po’ a freddo il comportamento del soggetto nei rapporti con gli altri e se è disinvoltamente bugiardo e superficiale possiamo anche dubitare della sua improvvisa affidabilità nei nostri confronti. Dopo di ché non ci rimane che sperare perché le incognite rimangono.
La fortuna in amore, nei rapporti d’affari, negli affetti parentali - insomma ovunque – ha un ruolo importante, ma se capita di ritrovarsi in ginocchio...rialziamoci e riprendiamo il cammino con maggior lena.
Atteggiamento di cui è facile parlare, ma doloroso e difficile da attuare, però è l’unica possibilità che rimane quando ci rendiamo conto che le felicità è un evento insperato e la serenità è una conquista che possiamo fare contribuendo personalmente. Come ? Anche con un po’ di obiettività.
Tutte belle parole, lo so, ma a furia di ripetermele sono servite almeno a tenere a freno alcune emozioni. Infine, mi chiedo: “serve parlarne ?
------------------------------------------------

2 commenti:

Il Massimo ha detto...

L'amore è tale in quanto è come una tempesta che ti coglie all'improvviso.
E' un sentimento come nessun altro.
Combatterlo con il raziocinio è impensabile.
Preferirei non avere più denti ma avere vissuto con più leggerezza.
Buna Pasqua a te ed ai tuoi cari.

Renata ha detto...

Ciao MASSIMO Ma che bel pensiero ! Penso proprio che il tuo approccio con un sentimento tanto imprevedibile quel'è l'amore sia quello giusto.
Meglio scegliere una strada e affrontare le incognite, anzichè rimanere eternamente al bivio. O.K. condivido. In fondo, se io avessi ancora tutti i denti(;-) ....avrei poco da ricordare. Certamente restano validi anche i miei consigli, per chi vuole seguirli. Una abbraccione, a Pasqua, si può azzardare e tanti auguri.