mercoledì 23 dicembre 2009

Le feste di Elena Alberti Nulli.

--------------------------------------------------
Trascrivo per voi la lettera della poetessa Elena Alberti Nulli
evidenziando le perle che costellano questo suo cielo di Natale.
--------------------------------------------------

Quella tavola apparecchiata per quattordici

Giornale di Brescia lunedì, 21 dicembre 2009

Meno male. Non ne poteva proprio più. Le "Feste" andavano bene quando lei era una ragazzina con il manicotto di pelliccia e i suoi quindici anni passavano per corso Goffredo Mameli sotto la neve che cadeva abbondante a stelle, a farfalle, a cristalli e la Pallata aveva la fontana coi candelotti che erano guglie di una cattedrale a testa in giù. La neve non mancava mai e scendeva a dondolarsi e sciogliersi sulle sue guance di primavera. Allora il Natale era santo e le cantava dentro con la voce degli angeli e dei pastori.

Lei ricorda benissimo le Feste nel grande palazzo, la sua casa nella Brescia antica, il giardino nascosto che le appariva, come un miracolo, ogni volta che apriva il portone. "I bresciani sono come la loro città - recitava a sé stessa - la Brescia dura del ferro che nasconde, dietro i portoni, la leggerezza allegra dei giardini". E a Natale il suo giardino, tutto bianco e luminoso nel riverbero dei lampioni, si spalancava agli zampognari d'Abruzzo "Astro del Ciel / Stille Nacht / Tu scendi dalle stelle" suoni e canti che erano chilometri di tenerezza da portarsi dentro per tutta la vita.

Le Feste toccavano il cielo con le dita quando "lui" arrivava a sussurrarle buon Natale amore mio e improvvisamente il pavimento della stanza diventava gommapiuma, prato, tappeto. Erano innamorati e i loro ginocchi si sfioravano sotto la tovaglia mentre le campane del Duomo, della Pace, di Sant'Agata e di San Faustino suonavano tutte insieme, solamente per loro, la gioia infinita di essere in due su questa terra.

Era bello a Natale il peso sacro dei figli, i camicini ricamati, i golfini sferruzzati con la lana rossa, soffici e corti tanto così, da mettere sul presepio vicino a Gesù perché li benedicesse. Non c'è niente da dire, era bello.

È così la vecchiaia? Le Feste adesso le danno sui nervi. I posti vuoti. Tutti i posti vuoti. Le viene voglia di gridare, di cadere, di andarsene chissà dove, ma non può né gridare, né cadere, né andare chissà dove. Lei, finché ha la testa a posto, deve dire Tutto bene. Tutto occhèi. Ci mancherebbe. I suoi "ragazzi" ne hanno già abbastanza di mogli e mariti e figli e cellulari. Ci mancherebbe che anche lei, vecchia signora, non consentisse ai figli di passare il Natale dove vogliono, con chi vogliono. Ci mancherebbe.

Ma quest'anno si è divertita a giocare con le Feste. Ha preparato nella sala grande, quella con il poggiolo che sorveglia corso Magenta, una tavolata tutta oro giallo, tovaglia oro giallo, tovaglioli oro giallo, fiori oro giallo. Posate d'argento, candelieri d'argento. Quattordici posti. I tovaglioli, piegati come canne d'organo e aperti a ventaglio nel bicchiere (non è di classe ma è un colpo d'occhio di estrema dolcezza) dondolano buffi e felici. Lei ogni tanto li tira su se si afflosciano da una parte o dall'altra. A centro tavola si accende una marmitta di arance.

Le amiche, la portinaia, il fiorista e il prevosto restano a bocca aperta:- Ma che meraviglia!

- Sì, stasera li ho qui tutti. Dalla Vigilia all'Epifania Lei li ha "qui" tutti.

- Nei prossimi giorni, sparecchiare sarà una sciocchezza, niente da lavare, niente panni stesi, solo un colpo di ferro ai tovaglioli. Che meraviglia.

Elena Alberti Nulli - Monticelli Brusati

-------------------------------------------------------------------------------

5 commenti:

educatore ha detto...

Una poesia in prosa, un meraviglioso regalo di natale per tutti. Grazie Elena. Grazie Renata. Buon Natale.

MAURIZIO ha detto...

Ricevi i miei auguri sinceri Renata.
Con affetto

Maurizio

Renata ha detto...

ciao EDUCATORE ! Anch'io considero un regalo splendido quello che Elena porge. Da condividere !.
--------------------------------
MAURIZIO ! Che tepore stupendo emana l'affetto ! Ti sono grata e ricambio di cuore l'affetto e gli auguri. renata

manufatto ha detto...

Grazie Renata, è un bellissimo racconto, davvero un regalo speciale. Sono ancora nella stagione delle felpe.. da accostare al presepe, al posto dei golfini rossi, ma ogni tanto alcune delle sensazioni riportate da Elena cominciano ad affacciarsi.
E so che, in qualche modo remoto, sto già cominciando ad allenarmi.. per il tempo che verrà.
Intanto il mio grazie, l'augurio per una giornata di gioia e a presto!

.. ma in questa Brescia ci devo proprio venire, ci sono stata anni fa di sfuggita, cominci a incuriosirmi!!

un abbraccio
manuela

Renata ha detto...

Ciao Manuela. Sono contenta che tu abbia apprezzato. Merita veramente. Io mi bevo ogni parola che esce dal cuore di Elena che è veramente grande.
Buon anno, già che ci siamo! Un abbraccio.