domenica 29 marzo 2015

Disamina di un’unione d’amore.

-----------------------


Nel Bar/Pasticceria che frequento, sono numerose le coppie che si soffermano per guastare un caffè e la mia mente intercetta i loro sentimenti basandosi sui loro comportamenti. Mi affascinano le coppie che non percepiscono altro intono e loro. E quelle reciprocamente disattente ispirano pensieri e considerazioni. Se è vero che ad avviare l’interesse verso una persona è, quasi sempre la curiosità – è altrettanto evidente che  il desiderio di saperne di più , una volta soddisfatto tende, purtroppo, ad affievolirsi. E ci convinciamo che ormai conosciamo tutto del nostro partner. NIENTE DI PIU’ SBAGLIATO ! Sbagliato e assurdo perché presuppone una staticità mentale e di atteggiamento che non regge. Ognuno di noi è in continua evoluzione ed è quindi imprescindibile l’ascolto che sarà produttivo quanto più  sarà reciproco. Chi di noi si ritrova identico a com’era venti o trent’anni prima ?. Gli eventi anche esterni, influiscono e il calo di attenzione al partner scava abissi a volte incolmabili. Forse, anche in questo settore, Può essere opportuno ricordare che è “meglio prevenire che curare”. Buena vida y mucho amor da renata mucci – Brescia

Tenero é il giorno.

-------------------
La carezza che arriva inaspettata,
può volgere al meglio tutta una giornata !


muccina
-----------------

Lo stupore lacerante del tradimento.



-------------------------
“Come un giorno muore l’infanzia, così è morta la giovinezza del nostro amore. Rimane l’amore coniugale, ma la caduta è brutale. Tutte le poesie che copiavo una volta, mi tornano alle labbra.
Odio questa parte di donna oltraggiata  degna di compassione. Sono nel mio diritto e questo è quasi uno svantaggio in un territorio nel quale i diritti di uno, sono di ostacolo ai diritti dell’altro.
Ho passato la notte, faccia a faccia con la nuova realtà che dovrò assorbire. Jean e Juliette si amano  di vero amore, se lo dicono e se lo fanno. E io imparo che Assenza non significherà più che Jean non è qui, ma anche “Jean è altrove" !

Da Femminile plurale di B.eF Groult
--------------------------

venerdì 27 marzo 2015

Questione di rispetto.

------------------------

Una nuova moda - che sta diventando pericolosamente contagiosa - si è insinuata a contaminare il nostro bell’idioma. Nella scrittura corrente si omettono alcune vocali ( si scrive “nn” anziché “non”, mentre “cmq” sott’intende “comunque” e“buongiorno diventa “bg”
Sinceramente, trovo assurde e del tutto ingiustificate, queste contrazioni e storpiature del linguaggio specie quando, a lato, è contemporaneamente palese l’ignoranza delle più elementari regole grammaticali . Scorrettezze di ogni tipo, si sono instaurate nel linguaggio corrente , scritto e parlato, ma io spero che una serena riflessione consenta di arginare un fenomeno che viene a deturpare quella che, in tempi non lontani, era considerata “ la lingua più bella del mondo”. LA NOSTRA !
------------------------

giovedì 26 marzo 2015

Modestamente


Il dado é tratto.

---------------------------
Lunedì 23 marzo c.a. è cominciata la mia nuova avventura. La nostra prestigiosa emittente locale TELETUTTO, all’ interno della rubrica “Teletutto racconta”, mi ha riservato uno spazio nel quale mi propongo di riversare – a piccole dosi – quel patrimonio di suggestioni, che ho accatastate nel lungo percorso. L'impegno é preso e l'accordo sancito. Ogni lunedì, alle 18 tenterò di far arrivare al telespettatore le emozioni che possiamo incontrare nella quotidianità e nella semplicità del vivere. Quindi a presto, con gioia. renata mucci (muccina)

P.S. Un po' di coraggio l'ho trovato rileggendo le parole che a suo tempo mi ha dedicato Elena Alberti Nulli, la sorella che mi sono scelta

Dolce Renata che reciti la vita
con il tic tac leggero del computer,
nelle tue mani l’anima dell’uomo
è una tempesta che s’abbatte e tuona
è primavera di alberi fioriti.
Disegni la letizia sopra i tasti
con lettere d’amore e di saggezza
rinchiudi lo splendore dell’Immenso
nel fiume in piena di parole accese.
Dolce Renata che passi le tue notti
a risciacquare l’abito dei giorni,
tu porti nelle case il cantico dei vespri,
il volo dei colori in ogni stanza.
Li benedica Iddio tutti quei fogli 
cuciti di sapiente tenerezza,
aquiloni di carta di giornale 
sempre sospesi tra la terra e il cielo
a contemplare il mondo dalle stelle.

Elena Alberti Nulli 2009
-------------------------

mercoledì 25 marzo 2015

Dialogo

----------------------
 

Da parecchio sono desta
ed ho voglia di far festa
e vi voglio trascinare
con me, tutti a festeggiare !


"Facciam festa, ma a che cosa ?"
allo sbocciar di un fiore rosa
che si offre, molto altero
bello da non sembrar vero !


"Non c'é altro ?" NO miei cari
"Ma questi eventi non son rari !"
Ma son da considerare lieti
pur se sono consueti.


La natura ci ha viziati
ci ha arricchiti e coccolati
ma,se lo sguardo é indifferente
meritiamo proprio niente !


renata mucci

lunedì 23 marzo 2015

Mai dire "mai" !

WOW !
Inizio oggi per me una nuova avventura e vorrei avervi al mio fianco per aumentare la carica necessaria che mi consentirà di partire col piede giusto.
Ci siete? siete caldi ? Udite, udite ! Tra poco accoglierò nel mio studiolo una attrezzatura che convaliderà la mia appartenenza all’emittente televisiva locale TELETUTTO ! Da casa, potrò collegarmi alla rete dove avrò uno spazio nel quale mi riprometto di riversare quel patrimonio di idee e di emozioni accumulato nel lungo percorso
E l’emozione è ineludibile.
E’ una sensazione stimolante e piacevole, anche cauta e trepida. Piacerò ? riuscirò a far arrivare al telespettatore l’intensità dei sentimenti ? Difficile rispondere in questo momento, ma una certezza prende spazio : CI METTERO’ L’ANIMA “ 

P.S. Non so se l’intervento avrà cadenza settimanale, in quale giorno ed a che ora, vi terrò informati perché potrete collegarvi su canale 12 a Bresciao visionarlo sulla mia pagina in facebook renata mucci muccina

sabato 21 marzo 2015

Amore, amor !

Il peggior scherzo che ci fa l'amore,
é che ci impedisce di essere felici da soli !

venerdì 20 marzo 2015

Niente é per sempre

-----------------------
Improvviso, sul mio viso
aleggia, timido un sorriso
a un pensiero compiaciuto
che non deve esser taciuto

è un pensier riconoscente
uno stupore che non mente
per l’affetto che ogni giorno
mi ritrovo caldo intorno !

E’ l’affetto un dolce incanto
che non provoca rimpianto
e se l’abbiamo ricambiato
lo ritroviamo raddoppiato

e dobbiam renderci conto
che, per come gira il mondo,
anche ciò che abbiam voluto
non ci è proprio mai dovuto !


mercoledì 18 marzo 2015

Al mi babbo.

------------------------
Il mio pensiero  è di ogni giorno caro papà !
Spesso ti ho contestato e mi sono mostrata insofferente ai consigli, alle direttive, agli indirizzi, a quelle che consideravo costrizioni ma quando tutto è entrato a far parte del bagaglio dei ricordi ti ho ritrovato dentro di me, a modulare i miei comportamenti verso mio figlio. E ne sono fiera.

Oggi -a inumidire il mio sguardo - è il ricordo di te che con l’affetto nello sguardo, ad ogni marachella, mi dicevi “quando tu sei grulla, figlia mia” Con la tua ironia di toscano DOC mi hai trasmesso la capacità di sorridere delle asperità che ancora connotano il mio carattere e parlando di me dicevi “la mi muccina” con una tenerezza che non ho mai più ritrovato.

Mi basta pensare a te, per avere la certezza che, se qualcosa di bono è rimasto in questa muccina che porta i segni evidenti di un travagliato percorso, lo devo in modo significativo “al mi babbo !” E spero che tu voglia ripetermi le parole che hai pronunciato nel momento del commiato : “ Non ho combinato nulla di speciale nella vita, me te, tu mi sei venuta proprio benino ! e te tu lascerai qualxosa di buono dietro di te." Non lo sa papà, ma ti giuro che ho tentato. Ho tentato sempre. muccina
----------------------

martedì 17 marzo 2015

Amicizia tra uomo e donna.


su il Giornale del 18 marzo 2015

Metaforicamente lancio un bel sasso piatto nel lago dei sentimenti e aspetto di vedere quanti cerchi gli si formeranno attorno. Ne prevedo tanti e, in attesa esprimo il mio pensiero.  In primis, è opportuna una valutazione caso per caso e, in subordine è anche indispensabile che i due siano appagati affettivamente ognuno per conto suo. Ma, genericamente direi  NO se implica assidua frequentazione per il semplice fatto che l'amicizia é una forma d’amore. scevra da implicazioni proprie della fisicità. Ovvero é un amore senza egoismo. Ma se i due protagonisti sono affettivamente liberi e nulla vieta che il sentimento si trasformi in amore, prima o poi l'amicizia romperà gli argini e porterà a galla anche la latente attrazione viscerale. Questo è il mio pensiero che con vuole essere né  drastico e nemmeno inamovibile.

lunedì 16 marzo 2015

Un anelito di speranza

--------------------


 Mentre ci prepariamo a godere della Pasqua ormai prossima la televisione e la stampa ci informano su massacri di gente innocente e ci mostrano immagini a denuncia di fame e miseria che travagliano  popolazioni indifese. Focolai d’odio, miseria e guerre travagliano senza sosta e senza pietà varie zone nel mondo e infieriscono su gente inerme, seminando altro odio e tanto dolore. Coinvolti nell’angoscia impotente , volgiamo lo sguardo cercando intorno a noi, motivi di speranza .

Ma occorre fiducia per riuscire a sperare  e la fiducia la meritano gli eroi del quotidiano che interagiscono nel mondo, la gente che crede nell’onestà, i giovani generosi che si pongono a fianco di chi soffre e formano quell’esercito volonteroso sul quale possiamo sempre contare. A coloro che lottano ogni giorno e caparbiamente si pongono a difesa dei  sani principi di convivenza del rispetto e della collaborazione; a chi sostiene coraggiosamente lo sguardo fiducioso di un bambino, affidiamo la redenzione dell’umanità. Ci poniamo davanti ad uno di loro, a simboleggiarli tutti e a lui rivolgiamo il nostro fiducioso LIBERA NOS A MALO !
----------------------

domenica 15 marzo 2015

Primavera, tempo di rinnovamento fuori e dentro di noi !

----------------------------


Ho vissuto il periodo in cui anche la letteratura era soggetta a censura, e, con l’avvento della cinematografia alcune pellicole erano severamente vietate ai minori di 18 anni. Per le ragazze e le donne in generale l’accesso nelle Chiese era subordinato a comportamenti di rispetto anche esteriori. Un velo in testa e un abbigliamento consono al luogo. Ai bambini era severamente proibito interrompere la conversazione degli adulti e nelle aule scolastiche l’esortazione “In piedi, entra il Prof. “ era consueta. Era il tempo in cui la verginità era considerata un valore e una gravidanza fuori dal matrimonio si traduceva in una vergogna senza attenuanti.



Poi, è sopraggiunto l’auspicato cambiamento ! E ci siamo ritrovati con nudi giganteschi esposti nelle edicole, con una cinematografia violenta ed esplicita per quanto riflette la sessualità, e il velo in testa che, nelle Chiese, sanciva umiltà e rispetto, è sparito e l’abbigliamento prescindeva dalla sacralità del luogo. E i bambini sono state concesse libertà  comportamentali che si sono imposte in ogni àmbito, compresa la Scuola. La verginità è divenuta un optional e la gravidanza, fuori dal matrimonio  viene quasi sempre, disinvoltamente accettata.



E i risultati, che ci hanno coinvolti, meritano qualche riflessione soprattutto sulla mancata gradualità. Tutto troppo in fretta e tutto anche con deprecabili eccessi



In conclusione io, che sono fuori dalla mischia, ne parlo spinta dall’amore per la vita e per l’umanità che può impegnarsi a smussare gli angoli, ad addolcire le asperità di un sistema che può migliorar. Purché ognuno si impegni a migliorare se stesso facendosi carico di fornire esempi equilibrati e positivi. E se lo vogliamo fermamente , Yes, we can ! - Sì, possiamo
------------------------